La Prima categoria della Virtus Divino Amore Calcio prova a rimettersi in marcia. Il gruppo di mister Andrea Fagiolo, dopo il k.o. sul campo della capolista Indomita Pomezia (1-5), è atteso da un’altra sfida molto complicata: domenica al “Millevoi” arriva il Centro Sportivo Primavera, secondo a cinque punti dalla vetta e dunque ancora potenzialmente in corsa per il salto in Promozione.

“Un altro avversario tosto, anche se probabilmente l’Indomita ha un organico superiore – dice il vice presidente Sergio Randò – Noi speriamo di recuperare alcuni tasselli fondamentali come Cuozzo e Ascenzi e giocarci le nostre carte”.

Il discorso legato alla salvezza diretta si è molto complicato: ora la Virtus Divino Amore si trova ad otto punti di distanza dall’undicesimo posto. “Finchè la matematica non ci condanna, abbiamo il dovere di credere a quell’obiettivo. Se poi non dovessimo riuscire ad ottenerlo, allora ci concentreremo sui play out. Il calendario, a parte il turno di domenica prossima, prevede numerosi scontri diretti e quindi dobbiamo cercare di fare il massimo”.

Randò fa un passo indietro per commentare la sconfitta dell’ultimo turno contro l’Indomita. “I primi venti minuti sono stati positivi e siamo riusciti a tenere botta al cospetto di un avversario davvero molto forte che conta su giocatori di categoria superiore come Seferi, Cristofari e Oliva. Prima dell’intervallo, però, la squadra di casa ha segnato due gol e a quel punto temevo il peggio. A inizio ripresa, invece, un bel gol segnato da Marino ci ha rimesso in partita, ma la gioia è durata poco considerato che è arrivata presto la rete del 3-1 che ci ha definitivamente tagliato le gambe”.

Il vice presidente del club capitolino chiede al gruppo la massima concentrazione in questo finale di stagione. “Talvolta è capitato che i subentrati abbiano avuto un atteggiamento non positivo e invece tutti devono dimostrare di tenerci. Per centrare l’obiettivo della salvezza servono concentrazione e voglia di andare oltre le difficoltà”.