La prima gara della stagione si è aperta con una vittoria della Ducati di Andrea Dovizioso. Il desmomissile, infatti, ha tagliato il traguardo davanti, di un soffio, a Marc Marquez. A far compagnia ai 2 litiganti sul podio è salito l’inglese Cal Crutchlow. Quarta la Suzuki di Alex Rins, quinta, dopo una bella rimonta, la Yamaha di Rossi. Solo settimo il poleman Maverick Vinales, dominatore in prova ed in qualifica ma a polveri bagnate in gara. Sesto l’attapirato del sabato di prova, Danilo Petrucci; Marquez gli avrà anche rubato la scia, ma la manopola del gas della sua moto era ancora lì e Danilo, allo spegnimento del semaforo, non l’ha spalancata né come il trionfante teammate né come lo spagnolo della Honda.

Il primo turno dell’appuntamento in notturna si è chiuso con il miglior giro di Rossi e subito si sono alzati i cinguettii e le urla di chi sostiene che, nonostante l’età, Mister 9 volte ed 1 biscotto (costoro sostengono che il decimo titolo all’asso di Tavullia sia stato scippato con un biscotto inzuppato in salsa spagnola…) sia ancora il migliore. Neanche, però, il tempo di gioire che le urla ed i cinguetti si sono trasformati in silenzioso dolore, perché Rossi non è riuscito a qualificarsi per la Q2. Ironia a parte, in gara, però, da buon dottore, l’italiano è riuscito a recuperare posizioni su posizioni, ed al traguardo è il primo rider della casa di Iwata. Certo, ha chiuso quinto, ma a soli 6 decimi dal vincitore. Risultato che, senza dover necessariamente stendere lunghe lingue per evidenziarlo, dice che Valentino in Qatar ha dimostrato di essere un’animale da gara temibile e che, ad oggi, il miglior polso su una M1 è il suo.

Non si comprende, va detto, cosa possa aver trasformato il rapace del sabato in colomba la domenica. Vinales non solo ha sbagliato, come sua recente abitudine, la partenza, ma in gara le ha prese da chi in griglia partiva lontano anni luce. La Yamaha resta ancora un pizzico dietro le avversarie, ma la distanza sembra essersi accorciata.

Il Dovi ha vinto laddove doveva farlo; l’asfalto ed i rettilinei di Losail esaltano i cavalli desmodromici e lui non ha fatto nulla di più del suo dovere; a mio avviso nessuna meraviglia per il successo. Semmai DesmoDovi ha zittito chi sosteneva che senza Jorge Lorenzo la Ducati non avrebbe vinto perché non aiutata nello sviluppo.

A proposito di Lorenzo; prima di gettargli addosso quintali di letame sui social, in molti farebbero meglio ad aspettare. Premesso che lo sciacallaggio mediatico è roba per miunus habens, ma quanti sanno in quali condizioni fisiche è il pluricampione maiorchino? Già è tanto che sia lì a gareggiare.

Paradossalmente, seppur da primo sconfitto, il vero volto sorridente della prima trasferta iridata è quello del campione del mondo in carica. Marquez su una pista dove con la Honda nella massima serie ha vinto solo nel 2014, è giunto alla bandiera a scacchi attaccato alle carene rosse…se questa è una sonora sconfitta, non oso immaginare cosa saranno quelle che impartirà Marc nelle prossime settimane. Perché nessuno ha ricordato che 3 mesi fa è stato operato alla spalla sinistra? Nonostante l’operazione e il tracciato non favorevole, Marquez c’è, eccome se c’è.

Il buon Cal, contro ogni pronostico, ha centrato il podio. Primo privato e prima di molti che godono di mezzi più performanti; bravo!

Altra sorpresa è stata la Suzuki che, specie con Rins, è stata a battagliare per le posizioni che contano; se arrivassero in futuro dei cavalli in più, diventerebbe una brutta gatta da pelare.

Una gara bella? Ma dai…Che gara è quella dove si gareggia a chi consuma meno gli pneumatici? Che competizione c’è tra chi è costretto a non poter esprimere al meglio le proprie potenzialità perché altrimenti le Michelin si stressano? Rispetto all’anno scorso, addirittura, si è girato oltre 2 secondi più lenti; la tristezza non è solo nello spettacolo offerto ma anche in chi parla di massima competizione.

Capitolo ricorso contro la Ducati: senza entrare nel merito la tempistica del reclamo è giusta. Il regolamento presenta dei “buchi” e chi di competenza accerterà se la Ducati è entrata in questi buchi nei limiti del regolare o è andata oltre. Lo sport, non fingiamoci verginelle ingenue, è anche questo; basti ricordare le ali flessibili in F1 o la cascata ad ingranaggi della distribuzione in Sbk. Quando la competizioni è al limite, la differenza la fanno anche le virgole del regolamento; ad ora le virgole della Ducati sono preludi al successo.