Non basta una splendida prestazione all’F&D H2O Domus Pinsa Lucarelli per portare a casa il bottino pieno. A Verona, contro una squadra di casa in gran forma e reduce da due successi di fila, finisce 6-6 dopo un match giocato punto a punto e per larghi tratti interpretato alla perfezione da Velletri, tuttavia imprecisa in alcune occasioni cruciali.

Nel primo tempo il team di mister Zaccaro impiega venti secondi per portarsi in vantaggio: tiro di rigore concesso dall’arbitro e trasformato da Verzini. L’F&D H2O, però, reagisce e dopo aver sciupato un’ottima azione per il pari riequilibra la gara con Pustynnikova. Verona rimette il naso avanti con Braga, abile a sfruttare la superiorità numerica, ma Bagaglini riacciuffa nuovamente le venete e il primo quarto si chiude sul 2-2. Nel secondo tempo l’F&D H2O passa con Pustynnikova, ma le superiorità numeriche sono letali alla compagine di Di Zazzo che subisce il pari e il contro-sorpasso ad opera di Verzini e Bartolini, in entrambi in casi con l’uomo in più.

Nel terzo tempo l’F&D H2O entra in vasca con il piglio più deciso, e De Cuia con una splendida palomba va in gol. I capovolgimenti di fronte sono avvincenti in una gara molto fisica, la CSS Verona sa di giocarsi una buona fetta di salvezza e con Borg davanti a Minopoli non sbaglia. Sul 4-5 ci pensa Clementi a siglare la sua prima rete di giornata e ristabilire la parità: 5-5 e si decide tutto nell’ultimo quarto come accadde ad Anzio nel girone di andata. La tensione sale e l’equilibrio regna sovrano, ma a sbloccare il parziale sono le locali con Braga, che trova un super gol dalla distanza. L’F&D H2O dà tutto, pareggia con Clementi – doppietta per lei – in superiorità numerica e sciupa un’altra buona azione con Pustynnikova a tu per tu con Nigro. Finisce 6-6, un punto che fa morale ma che lascia più rimpianti a Velletri che a Verona per come si era messa la partita. È stata comunque una bella gara, con pali, traverse, azioni da una parte e dall’altra e due compagini che non si sono risparmiate neanche un minuto.

Al termine della gara, mister Danilo Di Zazzo ha così commentato la prestazione delle veliterne: “Sono soddisfatto dell’impegno. Purtroppo abbiamo avuto diversi contropiedi dove un po’ per nostra colpa e un po’ i giudici di porta non sono stati chiusi in rete. Sono tanti gli episodi di gioco e non ci stanno creando tante difficoltà, supereremo anche questo e lotteremo fino alla fine. Ancora siamo vivi e questo pareggio ci dà speranza!”

Prossimo turno sabato 16 ad Anzio contro la vice-capolista Rapallo: gara complessa prima di una lunga pausa, che poi condurrà l’F&D H2O al rush finale.

Il Tabellino

CSS VERONA – F&D H2O VELLETRI 6-6 (2-2, 2-1, 1-2, 1-1)

CSS VERONA: Nigro, Bartolini (1), Peroni, Russo, Borg (1), Alogbo, Braga (2), Perna, Carotenuto, Prandini, Verzini (2), Mattioni, Sbarbieri. Allenatore: Giovanni Zaccaro

F&D H2O VELLETRI: Minopoli, De Cuia (1), Pustynnikova (2), De Marchis, Zenobi, Rosini, Amedeo, De Vincentiis, Colletta, Clementi (2), Centanni, Bagaglini (1), Meccariello. Allenatore: Danilo Di Zazzo.

Arbitro: Ferrari – Bianco