Latina inizia bene. Grinta e temperamento non mancano. Subito sopra: Goreta dalla distanza, Tulli in ripartenza danno buoni presagi in casa pontina. Così non è. La Rari accorcia in superiorità con Scotti Galletta poi, nonostante Goreta ci prova ancora ad allungare il passo, giunge al pari. A 2 secondi dal termine del primo tempo il giallo del rigore. Goreta dai 5 metri infila Santini ma la rete non viene concessa dal tandem arbitrale. Questo episodio divide come un macete la partita in due tronconi ben distinti e distanti. Difatti dal secondo quarto il Salerno sale in cattedra con Gallozzi (uno-due consecutivo) che da la prima spallata alla difesa guidata da Cappuccio.

I neroazzurri provano a controbattere ma non c’è precisione nelle finalizzazioni riuscendo a rimanere ancora in partita a metà gara grazie ad un pregievole giocata di Di Rocco. Il terzo quarto e’ probabilmente il tempo risolutivo della gara. Subito fuori Gianni per limite di falli, arriva il break salernitano. Pica in superiorità numerica. I benevoli fischi arbitrali aumentano via via le differenze di espulsioni temporanee tra le due squadre, e parimenti aumenta anche la distanza nel risultato. A fine terzo tempo i padroni di casa sono a +3. L’ultimo quarto continua sulla falsariga del terzo con la squadra pontina a cercare il recupero su un avversario che però non cede, anzi ribatte colpo su colpo. A circa metà dell’ultimo tempo, Goreta porta a -2 il risultato riaprendo qualche sopita speranza di recupero.

Ma a Salerno con un tabellone così spietato tutto diventa complicato. A poco più di tre minuti dal termine i falli gravi fischiati ai padroni di casa sono 5, agli ospiti più del doppio (11). A fine gara saranno 7 contro 12. Buona parte della sconfitta e’ in questi numeri. La gara ed il risultato lo chiude il campano Parrilli. Onore al merito ai vincitori che hanno saputo dirigere con maggior raziocinio la gara, dando vitalità e precisione alle proprie conclusioni. Per Latina pallanuoto, bene l’inizio, poi un po’ di confusione e tanta imprecisione hanno opacizzato la prestazione della squadra. Una sconfitta che ci può stare, specie contro una compagine come quella campana, che comunque altera poco le gerarchie della classifica

IL COMMENTO DEL COACH MIRARCHI

Abbiamo iniziato bene la partita, giocando con intensita’ e ordine, poi ci siamo
innervositi facendo alcuni errori in difesa e sbagliando occasioni semplici che ci hanno compromesso la partita.

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE DAMIANI

La prima sconfitta alla sesta giornata, con una squadra come il Salerno ed in un campo ” caldo ” come quello che abbiamo trovato, nulla toglie alla forza della nostra squadra ed agli obiettivi della stagione. Il Salerno ci raggiunge in testa alla classifica.
La trasferta pur se con una sconfitta, ci aiuta a capire che anche il temibile Salerno e’ una squadra come le altre e quindi battibile.
Onore ai Campani che, nella loro piscina, non hanno mai perso la concentrazione e la grinta. Vittoria meritata. I nostri insieme a Mirarchi, sapranno far tesoro di questa partita, il campionato e’ lungo ed i nostri atleti non sono inferiori a nessuno. Carattere e grinta lo dimostreranno nel proseguo del difficile Campionato. Complimenti alla squadra tutta, che ha ben rappresentato i nostri colori .

Il Tabellino

Serie A2 -sabato 19/01/2019
ore 18,00
Piscina Simone Vitale
Salerno

Campolongo R.N. Salerno – Latina pallanuoto 11-8 (3-3)(2-1)(3-1)(3-3)

Latina pallanuoto: Cappuccio, Tulli 1, De Bonis, Goreta 3, Gianni, Falco, Castello, Barberini, Lapenna 1, Priori 1, Di Rocco 2, Giugliano, Marini. All.Mirarchi
Campolongo R.N. Salerno: Santini, Luongo M. 1, Gandini 3, Sanges 1, Scotti Galletta 1, Gallozzi 2, Fortunato, Cupic, Mauro 1, Parrilli 1, Spatuzzo, Pica 1, Ragosta. All. Citro.

Arbitri: sigg.Bianco e Schiavo

Andamento partita: 0-2/ 1-2/ 1-3/ 5-3/ 5-4/ 8-4/ 8-5/ 9-5/ 9-6/ 10-6/ 10-8/ 11-8

Superiorità numerica: RN Salerno 7/12; Latina pn 4/7 + 0/1R

Note: usciti per limite di falli nel 3T Gianni (L), nel 4T Tulli (L), Scotti Galletta e Sanges (RN). Espulsi per protesta Murgia vcoach (L) e Mirarchi (coach L) nel 4T