MAVERICK VINALES 10: Lo spagnolo riporta al successo la M1 dopo 25 gare di astinenza. Un digiuno durato troppo. Anche questa volta è partito in sordina, ma subito si è riportato sotto le posizioni che contano. E’ stato bravo nel saper gestire gli eventi a suo favore e così festeggia su una delle piste più belle del mondo. Bravissimo!

 

ANDREA IANNONE 9,5: Phillip Island è un tracciato che gli piace e si è visto anche quest’anno. Anche se più volte ha dato l’impressione di aver osato troppo, l’italiano non ha mai gettato la spugna. Si è avuta la sensazione che se la moto l’avesse aiutato di più, il successo non sarebbe stato una chimera. Complimenti!

 

ANDREA DESMODOVI 8: La moto c’è ma in Australia il forlivese continua a non esserci del tutto. Se si guarda a quanto raccolto l’anno scorso, la terza piazza è grasso che cola. Se, però, si guarda cosa è successo a Marquez, è ancora lontano dall’essere un pericolo costante. Forza!

 

ALVARO BAUTISTA 9: E’ autore di una prestazione superba, su una moto che fino a poche ore prima aveva tutt’al più sognato. Un piazzamento che dimostra la bontà e la competitività delle rosse di Borgo Panigale. Applausi!

 

VALENTINO ROSSI 5: Al traguardo, tra una scusa e una lamentela, tra una giustificazione ed un pianto mediatico, dimostra ancora una volta che la Yamaha ha sbagliato a puntare su di lui per tentare di vincere. Certo farà vendere, ma quanto costano in termini di immagine sportiva queste vendite? Sconfitto!

 

YAMAHA: Ritrovata.

 

SUZUKI: Gagliarda.

 

DUCATI: Paga le scelte di mercato dei piloti.

 

HONDA: Senza il migliore sono uccelli per diabetici.

 

PIANTOCRONACA: La vittoria del pilota Yamaha “sbagliato”, è stata un colpo troppo forte per il cuore di chi per farsi seguire è costretto ad urlare mentre vive di luce riflessa. Va bene l’italiano “sbagliato”, fa niente le vittorie di Lorenzo, ma la vittoria di…No…Nooo, mannaggia mannaggia…Un abbraccio forte!

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp