C’era una volta un campionato agguerrito, dagli esiti imprevedibili e che richiamava migliaia di appassionati sugli spalti, con griglie piene e che teneva incollati milioni di spettatori di fronte agli schermi.

C’è oggi un campionato che offre un soporifero spettacolo dove tra spalti deserti, esiti scontati tra i cordoli, griglie vuote e costi esorbitanti, la noia regna sovrana.

Entrambi i campionati descritti sono la SBK anche se sembra impossibile capire che parliamo della stessa competizione.

Una involuzione del campionato delle derivate di serie che ha cause ben chiare.

La prima è che con la scusa di abbassare i costi, si è imposto il mono gomma.

La seconda è aver abolito la Superpole: ricordate le emozioni che offriva il re della specialità, Troy Corser?

La terza è l’aver diluito le due manche di gara su due giorni, tra il sabato e la domenica: roba da TSO immediato!

Che dire, poi, della griglia invertita in Gara 2? Fantozzi avrebbe fatto meglio.

L’elettronica, inoltre, è sempre più un fattore determinante nel fare la differenza al posto del polso; nel BSB, dove si gareggia senza elettronica, lo spettacolo è a dir poco entusiasmante…

Una serie di fattori, quindi, che hanno di fatto ammazzato quello che era uno spettacolo amato e seguito a furor di popolo motociclistico.

Lasciamo stare le ragioni politiche che sono dietro alle suddette scelte (la Dorna non si senta chiamata in causa…) il prezzo pagato in termini di emozionalità è stato meno salato di quello che pagano i piloti (un ragazzo talentuoso non solo deve rischiare la vita ma per farlo deve pure pagare…) ed i team per esserci (le squadre sempre in bolletta, secondo voi chi sceglieranno tra un somaro carico di soldi ed un puledro squattrinato?).

Insomma la SBK, per dirla alla Eduardo De Filippo, è diventata, non si offenda nessuno, un qualcosa simile al caffè che l’artista partenopeo beveva nella commedia “Natale in casa Cupiello”: una ciofeca.

Che fare, allora, per ridare “sapore” ed interesse alle gare mondiali riservate alle derivate di serie?

La mia ricetta è fatta di semplici ingredienti, eccoli:

1) Ritornare alla suddivisione delle cilindrate ammesse tra i 750 cc. per i 4 cilindri ed i 1000 cc. per i bicilindrici.

2) Istituire di nuovo la Superpole.

3) Ritornare alla doppia gara della domenica.

4) Aprire la fornitura degli pneumatici, abolendo il mono fornitore.

5) Far gareggiare i piloti con moto che di serie non devono costare più di 15.000 euro e con kit il cui costo non deve andare oltre i 50.000 euro (così facendo, un team che voglia fare bella figura e schierare due piloti, tra costi dei tecnici, del materiale tecnico, delle spese di trasporto e viaggio, compreso quelli dei rider, non dovrà spendere più di 1.000.000 di euro a stagione).

6) Eliminare ogni tipo di intervento elettronico che non è presente sul modello di serie (se deve costare al massimo 15.000 euro, certi magheggi non potranno esserci).

7) Vendere a costi meno elitari i biglietti per le tribune.

In questo modo, secondo me, si permetterà ai team privati di lottare concretamente per il titolo ed al tempo stesso le gare saranno di nuovo intrise di patos; in fondo lo spirito originario della SBK è proprio questo.

 

Voi cosa ne pensate, quali proposte avete?