Il Mister Di Francesco sulla sfida contro il Milan





Come sta la squadra dopo il pareggio contro l’Atalanta?

“I ragazzi sono po’ rammaricati per il primo tempo, ma sollevati per averla rimediata: la partita aveva davvero preso una brutta piega. Alla fine abbiamo rischiato di vincerla, ma è comunque un punto guadagnato. Da questo match dobbiamo imparare e cercare di migliorare i tanti errori che ci sono stati, in particolare nel primo tempo”.

Si è spiegato la Roma dai due volti dell’altra sera?

“È un insieme di cose, ma principalmente davanti abbiamo incontrato una squadra che aveva una brillantezza superiore alla nostra di testa e di gambe. Non me lo aspettavo, abbiamo fatto un giorno in più giocando di lunedì e i miei giocatori non erano brillantissimi. Alla lunga però siamo usciti, paradossalmente abbiamo corso quanto loro, ma abbiamo corso male, con poca qualità. Contro il Milan mi aspetto una grande risposta”.




Ha già deciso il sistema di gioco?

“Il sistema di gioco porta a una premessa: spesso va a farsi friggere quando all’interno i calciatori stessi non mettono le caratteristiche più importanti che devono in campo ad alti livelli e cioè cattiveria, determinazione, concentrazione applicazione di squadra. Questo non è avvenuto nel nostro 4-3-3 nel primo tempo. Ogni numero diventa relativo nel momento in cui non si gioca con queste caratteristiche. Ora non svelerò quello che farò domani. Ma è fondamentale perdere meno duelli possibili”.

Nzonzi e Karsdorp hanno 90 minuti nelle gambe?

“Non li hanno, ma potrebbero essere entrambi della partita dall’inizio: metterò in campo la formazione più adatta per il Milano”.

Schick giocherà di più quest’anno?

“Questa domanda lascia il tempo che trova, viene prima il concetto di squadra per me. Schick è un giocatore forte con determinate caratteristiche, potrebbe giocare dall’inizio o subentrare. La scorsa partita ha avuto palle gol importanti”.

Fazio e Kolarov non hanno recuperato al 100% per via dei Mondiali?

“L’Atalanta nel primo tempo ha evidenziato certi aspetti fisici, ma non sono stati loro due gli unici a essere poco brillanti. Chi è venuto dal Mondiale, ovviamente, un po’ di ritardo nella preparazione ce l’ha. Ma loro sono giocatori importanti che hanno bisogno di mettere tanti minuti nelle gambe. Siamo solo alla seconda giornata di campionato, se fossimo già in grandissima forma in questo momento mi preoccuperei”.

A livello di testa può aver influito la partenza di Strootman nel prepartita?

“Io non ne ho sentito nemmeno parlare nel gruppo, con il giocatore ho parlato e ci siamo salutati, aveva il desiderio di cambiare e di fare una nuova esperienza. Io nella Roma voglio giocatori che hanno il desiderio di continuare a vestire questa maglia e a dare tutto quello che hanno. Kevin lo ha fatto fino all’ultimo momento. Quando un calciatore chiede di cambiare, però, io non trattengo nessuno: viene prima la squadra e il desiderio di poter giocare con questa maglia”.

Mancavano le motivazioni?

“C’erano e mi aspettavo anche io un’altra prestazione. Se guardiamo la partita io ho sostituito due ragazzi che sono un patrimonio della Roma e della Nazionale, ma era una scelta tattica. Se avessi potuto cambiare più uomini sarebbe uscita tutta la linea difensiva. Ho fatto delle scelte, togliendo qualcosa a due ragazzi (Cristante e Pellegrini, ndr) che però vanno tutelati. Siamo solo alla seconda giornata e c’è già un processo all’annata: è tutto prematuro. E anche io devo essere equilibrato, il gesto che ho fatto contro la panchina andava evitato mi è servito da lezione. Ero nervoso, arrabbiato e vedevo che non riuscivamo a esprimere le nostre qualità. Più che chiacchiere cerco soluzioni e mi auguro di trovare quelle giuste”.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5304 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*