Appuntamento oltremanica per il Ducati Team sul circuito di Silverstone

 Appuntamento oltremanica per il Ducati Team sul circuito di Silverstone


Dopo le due gare in Repubblica Ceca e in Austria la MotoGP si sposta oltremanica per il terzo appuntamento del mese di agosto, sul veloce e impegnativo circuito di Silverstone. Reduce dalle due splendide vittorie consecutive di Andrea Dovizioso a Brno e di Jorge Lorenzo a Zeltweg, il Ducati Team è già arrivato oltremanica per la dodicesima tappa del campionato 2018.
 
Dovizioso è salito sul podio di Silverstone quattro volte, grazie alla strepitosa vittoria ottenuta lo scorso anno, oltre ai due secondi posti ottenuti nel 2010 e nel 2011 e al terzo posto del 2015. Impressionante anche il palmares di Lorenzo, che ha vinto tre volte in Inghilterra, nel 2010, 2012 e 2013, mentre lo scorso anno il pilota spagnolo ha chiuso la gara al quinto posto.
 
Prima di partire per Silverstone, entrambi i piloti del Ducati Team sono stati impegnati domenica 19 agosto in una giornata di test sul circuito di Misano Adriatico, dove hanno preparato il GP di San Marino e della Riviera di Rimini del 9 settembre ottenendo degli ottimi riscontri cronometrici con le loro Desmosedici GP.
 
Il programma del weekend di Silverstone inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 10:55 ora italiana (9:55 ora locale) mentre la gara, sulla distanza di 20 giri, è prevista per domenica pomeriggio alle 14:00 ora italiana (13:00 ora locale).
 
Jorge Lorenzo (Ducati Team #99) – 3° (130 punti)
“Il terzo GP del mese di agosto arriva dopo la mia vittoria in Austria, che è stata sicuramente la gara più impegnativa di tutta la stagione, soprattutto perché abbiamo continuato a fare dei miglioramenti importanti durante tutto il weekend. Penso che stiamo lavorando molto bene e che possiamo essere competitivi su tutti i circuiti. Silverstone è un tracciato che mi piace molto e dove ho degli ottimi ricordi, ma c’è sempre un’incognita per quanto riguarda le condizioni meteo che troveremo durante il fine settimana. Sicuramente sarà un elemento importante, e ovviamente preferirei che fosse una gara asciutta, ma in ogni caso è sempre bello correre qui in Inghilterra, un Paese con molta tradizione nel motorsport e con tanti appassionati.”
 
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 4° (129 punti)
“Credo che anche a Silverstone saremo molto competitivi, anche se lo scorso anno abbiamo vinto perché sono riuscito a fare un’ottima strategia, mettendomi sempre nella posizione giusta per provare a vincere, ma probabilmente non eravamo i più veloci. Il circuito inglese è davvero molto impegnativo per molte ragioni: il consumo delle gomme, l’energia fisica, soprattutto per gli avanbracci, le condizioni atmosferiche sempre variabili e quindi fare dei pronostici è impossibile. Inoltre dipenderà anche dalle condizioni del tracciato e spero che con il nuovo asfalto saranno riusciti ad eliminare gli avvallamenti rispetto all’anno scorso.”
 
Silverstone
Il circuito di Silverstone, che si trova a metà strada tra Oxford e Northampton a un paio di ore da Londra, nasce come vecchio aeroporto militare della RAF, ed è il tracciato più lungo dell’intero calendario, oltre ad essere uno dei più veloci. Con più di sessanta anni di storia alle spalle, è uno dei circuiti più importanti al mondo, e ospita gare di tutte le categorie, a due e quattro ruote. Importanti investimenti hanno portato varie migliorie alla struttura inglese nel 2010, quando la pista ha iniziato di nuovo a ospitare il campionato MotoGP. Quest’anno l’intero tracciato è stato riasfaltato in tempo per il GP per cercare di eliminare gli avvallamenti.
 
Giro più veloce: Marquez (Honda), 1’59.941 (177,0 km/h) – 2017
Record del Circuito: Marquez (Honda), 2’01.560 (174,7 km/h) – 2017
Miglior Pole: Marquez (Honda), 1’59.941 (177,0 km/h) – 2017
Velocità massima: Iannone (Ducati), 332,4 km/h – 2015
Lunghezza pista: 5.9 km
Lunghezza gara: 20 giri (118.0 km)
Curve: 18 (8 a sinistra, 10 a destra)
Inizio gara: 14:00 ora italiana
 
Così nel 2017
Podio: 1° Dovizioso (Ducati), 2° Viñales (Yamaha), 3° Rossi (Yamaha)
Pole: Marquez (Honda), 1’59.941 (177,087 km/h)
Giro più veloce: Marquez (Honda), 2’01.560 (174,728 km/h)
 
Andrea Dovizioso
Moto: Ducati Desmosedici GP
Numero di gara: 04
Età: 32 (nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopoli)
Residenza: Forlì (Italia)
Gare: 287 (189 x MotoGP, 49 x 250cc, 49 x 125cc)
Primo GP: 2001 Gran Premio d’Italia (125cc)
Vittorie: 19 (10 x MotoGP, 4 x 250cc, 5 x 125cc)
Prima vittoria: 2004 Gran Premio di Sudafrica (125cc)
Pole: 19 (6 x MotoGP, 4 x 250cc, 9 x 125cc)
Prima Pole: 2003 Gran Premio di Francia (125cc)
Titoli Mondiali: 1 (1 x 125cc)
 
Jorge Lorenzo
Moto: Ducati Desmosedici GP
Numero di gara: 99
Età: 31 (nato il 4 maggio 1987 a Palma di Maiorca, Spagna)
Residenza: Lugano (Svizzera)
Gare: 279 (185 x MotoGP, 48 x 250cc, 46 x 125cc)
Primo GP: 2002 Gran Premio di Spagna (125cc)
Vittorie: 68 (47 x MotoGP, 17 x 250cc, 4 x 125cc)
Prima vittoria: 2003 GP del Brasile (125cc)
Pole: 66 (40 x MotoGP, 23 x 250cc, 3 x 125cc)
Prima Pole: 2003 GP di Malesia (125cc)
Titoli Mondiali: 5 (3 x MotoGP, 2 x 250cc)

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *