Dopo la vittoria ad Assen dove, al termine di una gara stupenda, votata dai fan la migliore della storia recente, il pilota Repsol Honda ha ribadito la sua condizione stratosferica e adesso guida il campionato con 140 punti, 41 in più del inseguitore.

Marquez, pilota spesso del ‘tutto o niente’, dovrà amministrare il vantaggio in una stagione dove le sorti possono cambiare da una curva e l’altra. Ma sulla pista della Sassonia le statistiche parlano di un netto strapotere del talento di Cervera. Da quando è nella classe regina Marquez ha sempre vinto in Germania, o meglio, in Germania ha sempre vinto Marquez.

Ma la nona sfida stagionale sarà ancora di più un tutto o niente per gli inseguitoridi Marquez, come Valentino Rossi. Il pilota Movistar Yamaha MotoGP ha chiuso la gara ad Assen al quinto posto dopo un finale infuocato, segnato anche dal duello con Andrea Dovizioso (Ducati Team). I punti da recuperare sul fuggitivo non sono pochi ma è anche vero che la M1 ha fatto dei piccoli passi in avanti. Lo dimostra il bel podi di Maverick Viñales (terzo posto e terzo in campionato), perfetto lottatore sulla pista della Drenthe e che punta a confermarsi già dal prossimo fine settimana. Nel 2017 le due Yamaha ufficiali arrivarono fuori dal podio.

Fonte: motogp.com