MARC MARQEUZ 9,5: Il fine settimana del campione del mondo in carica è quasi perfetto. Anche se in qualifica non riesce ad esprimere al meglio le proprie capacità, ha fatto capire che il pilota da battere era lui. Spento il semaforo, tempo poche tornate ed ha la meglio su Crutchlow, Pedrosa, Zarco e Lorenzo. Qualcuno si è illuso che potesse stargli indietro ma, al di là degli episodi di gara, Marc ha letteralmente giocato con gli avversari. Su 4 gare disputate siamo già a 2 successi. Fenomeno!

 

JOHANN ZARCO 8: Piazza d’onore per il francese prossimo rider della Ktm, frutto soprattutto della cappellata che ha coinvolto i due ducatisti ufficiali e Pedrosa. Certo anche non commettere errori è importante, ma per il ragazzo di Cannes non è stata proprio una bellissima gara. Va detto che ancora una volta guida la prima Yamaha al traguardo. Graziato!

 

ANDREW JANN 7,5: Per il quasi modello (ecco il perché l’ironia nello scrivere il nome in inglese…), stesso discorso fatto per Zarco, anche se continua a salire sul gradino del podio. A differenza del compagno di squadra è bravo nel non commettere errori e la classifica mondiale per lui si fa interessante. Come on!

 

DANILO PETRUCCI 6,5: E’ il primo desmorider al traguardo e riesce anche a chiudere davanti all’idolo dei telecronisti. Tanta roba!

 

VALENTINO ROSSI 4,5: Non è una questione di paura o di moto che non va. A mio avviso è questione che lui, oramai, non va più come prima. Dispiace dirlo, ma alle volte sembra uno di quei piloti amatoriali che la domenica si cimentano tra i cordoli alla ricerca di una gloria che non verrà mai. Che fine ha fatto la capacità di indovinare l’assetto dopo il warm up? Dove si è smarrito l’animale da gara? Che triste vedere un quasi 10 volte campione del mondo arrancare nelle retrovie. Mannaggia mannaggia!

 

JACK MILLER 5: L’impegno c’è ma questa volta non basta. Forza!

 

MAVERICK VINALES 3: Chi l’ha visto?

 

HONDA: Fa paura.

 

DUCATI: Fa paura per come gestisce gli ufficiali.

 

SUZUKI: Inizia ad essere interessante.

 

YAMAHA: Da paura lo sviluppo a passo di gambero. Sanno il solo marketing non porta ai “tituli”?

 

KTM: Partecipa ma si vede poco.

 

APRILIA: C’è anche se non si vede.

 

LA SCUSA: Visto che il loro datore di luce è in palese difficoltà e sembra brutto dirlo, si cerca ogni volta di creare un caso per distrarre l’attenzione del pubblico. Vedete cosa hanno urlato e detto senza la z? “Tutta colpa di Lorenzo!!! Mannaggia mannaggia che non ha fatto passare il Dovi”…Perché non dire la verità, ossia che Dovizioso ha sbagliato a forzare in quel momento l’attacco, che non c’è scritto da nessuna parte che Lorenzo doveva farlo passare, che Lorenzo ha sbagliato nel non vedere chi sopraggiungeva e che Pedrosa, nel vedere cosa succedeva davanti, è stato un pizzico precipitoso? Perché scambiare un normale incidente di gara come un attentato di stato? Le parole del Dovi ha fatto capire che non erano neanche degni d’essere definiti come biricchini…

GARA: Quasi noiosa…

 

Fonte foto: MotoGp pagina Facebook