Una qualifica segnata dalla manovra di Marquez e Viñales quella del GP delle Americhe. Il numero 93 fa la pole ma è penalizzato. Iannone secondo, Rossi quinto. Un sabato caldo e di pioggia, il CoTA come palcoscenico e le qualifiche della classe regina si accendono improvvisamente. Marc Marquez domina la sessione con il tempo di 2:03.658s davanti ad un competitivo Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP).

GP delle Americhe, Marquez l’uomo da battere

I due, tra i quali non scorre certo buon sangue, sono anche i protagonisti di un contrasto i pista con relative scintille in sella alle moto. Il numero 25 è impegnato nel giro veloce e in ingresso dell’ultima curva si trova davanti il pilota Repsol Honda. Deve allargare e rallentare perdendo un passaggio molto buono.

La manovra sarà messa sotto indagine dai giudici FIM, il campione del mondo perderà tre posizioni, la pole numero quarantasei gli sarà tolta e Viñales scatterà al palo. Una penalizzazione che colpirà anche Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) reo di un contatto con Tom Luthi (EG 0,0 Marc VDS) in Q1.

Le qualifiche di Marquez si erano aperte con una caduta alla curva 13

Il campione del mondo prova a tenere la moto ma finisce nella ghaia. La sessione poi è una lotta all’ultimo respiro. I due rivali, che fino a questo momento hanno dimostrato un netta superiorità rispetto agli altri piloti occupano le prime due posizioni della tabella tempi davanti ad un ancora veloce Andrea Iannone.

Bene Iannone, va forte Zarco

L’alfiere Suzuki Ecstar è stato il migliore del primo giorno e continua a far bene. Si ferma a 0,551s dalla vetta e centra una importante prima fila dopo il terzo posto di Valencia 2017, sarà secondo dopo il giudizio su Marquez.
Johann Zarco (Monster Yamaha Tech3) è quarto davanti a Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP). Il Dottore è poco lontano dai primi tre (+0,571s dalla vetta). Prova ad inserirsi nella lotta per la pole, entra per alcuni passaggi nella top tre ma partirà dal centro della prima fila. La competitività dimostrata in Texas fa ben sperare per la terza gara della stagione.

Le Ducati in difficoltà

Le Ducati non sfondano, soffrono ma fanno passi in avanti. La prima è quella di Jorge Lorenzo (Ducati Team), autore del sesto tempo con il collega di scuderia Andrea Dovizioso che partirà dietro a Cal Crutchlow. Per il leader della classe e pilota LCR Honda Castrol il settimo crono. Danilo Petrucci (Alma Pramac Racing) è decimo dopo il dominio della Q1 mentre Franco Morbidelli (EG 0,0 Marc VDS) scatterà oltre la bassa metà della griglia di partenza.

La gara della MotoGP™ inizierà domani, domenica 22 aprile, alle 21:00 italiane. Alle 16:40 il warm up.

Fonte: Motogp.com