Si parla molto – e bene – di Gattuso in questo periodo. Ora è stato il Mister a parlare. Nel pomeriggio di venerdì a Milanello, dopo la rifinitura e prima della partenza della squadra per Torino, si è svolta la conferenza stampa della vigilia. Rino è pronto ad affrontare la Juve anche da allenatore rossonero, grintoso, concentrato e speranzoso verso il big match di sabato alle 20.45. Ecco le sue principali parole, rilasciate in diretta anche su Facebook.

LA JUVE E ALLEGRI
Affrontiamo una grandissima squadra, che da sei anni sembra imbattibile, ma domani il Milan farà una grandissima partita. Non guarderemo i numeri e cercheremo di metterli in difficoltà: sono nettamente più forti, quindi ci vorrà grande umiltà. Allegri è stato un mio ex compagno, poi mi ha allenato. Quando me ne sono andato dal Milan era finita un’epoca. C’è grande stima e amicizia, ci sentiamo spesso e gli invidio la bravura: è un grandissimo allenatore. La Juve ha una mentalità incredibile, quando ripartono fanno paura. A loro toglierei il collettivo. Noi non potremo solo difendere, se no ne usciremmo con le ossa rotte“.

VOGLIA DI CAMPO
Ci voleva la sosta, ho visto i giocatori con una buona gamba e i Nazionali sono tornati con la testa più libera. Dobbiamo essere e giocare da squadra, con grande spirito e senso di appartenenza. Non mi sono piaciuti tanto certi titoli di giornale. Non possiamo sbagliare, ci stiamo giocando qualcosa di importante e di impensabile fino a qualche tempo fa. Dobbiamo continuare a credere e sperare nell’obiettivo Champions. Siamo in crescita“.

MONDONICO E I SINGOLI
Un pensiero a Mister Mondonico: una grande perdita per il mondo del calcio, un grande uomo. Molto simile a me in certi aspetti, volevo dargli l’ultimo salito ed è stato un grande. Kalinic? Problema risolto, è tornato in anticipo dalla Nazionale e lunedì si è allenato da solo. Bonucci e Donnarumma li ho visti bene. Leo tornerà dopo tanti anni, proverà un po’ di emozione ma l’ho visto concentrato. Conti ha una voglia incredibile, non sappiamo ancora se servirà un’altra operazione. Stiamogli vicino, è un patrimonio del Milan e deve recuperare al 100%. Rinnovo? Oggi non è la mia priorità, ma penso che non ci sarà nessun problema“.