SBK: i risultati dei vari marchi in Tailandia

 SBK: i risultati dei vari marchi in Tailandia


Aprilia vanta due podi al Buriram, datati 2015 e firmati Leon Haslam, che ha ottenuto due secondi posti partendo dalla seconda posizione in griglia e perdendo solo contro Jonathan Rea. Lo scorso anno, la Casa italiana ha finito entrambe le gare, ma solo con una moto: Lorenzo Savadori ha chiuso 13esimo in Gara 1 e Laverty 15esimo in Gara 2. Aprilia ha sempre ottenuto punti qui, esclusi i ritiri dello scorso anno. Questo significa che è arrivata a punti in 10 delle 12 gare disputate.

Il miglior risultato per la BMW al Buriram è un 5° posto, ottenuto da Markus Reiterberger in Gara 1 nel 2016 e da Jordi Torres in Gara 2 lo scorso anno.

Questo è l’unico tracciato attualmente in calendario su cui la Ducati non ha ancora mai vinto, nonostante abbia trionfato su ben 41 circuiti nella storia. Il miglior risultato della casa italiana è stato un secondo posto con Chaz Davies lo scorso anno. Ducati ha ottenuto un totale di tre podi qui (Davies 3° in Gara 2 nel 2016 e 2° lo scorso anno in Gara 1; poi Melandri 3° in Gara 2 lo scorso anno).

Il weekend migliore per Honda al Buriram è stato quello del 2016: Michael van der Mark è riuscito ad ottenere la pole (l’ultima firmata Honda) e a salire sul podio con un terzo posto in Gara 1. L’olandese è riuscito anche a chiudere Gara 2 in quarta posizione. Lo scorso anno il miglior risultato per Honda è stato ottenuto da Nicky Hayden, nono in Gara 1 e settimo in Gara 2. Honda ha vinto su 30 circuiti differenti nella sua storia: Buriram è uno dei 10 tracciati dove è salita sul podio, ma non ha ancora vinto.

Kawasaki si è aggiudicata tutte le vittorie al Buriram: 6 su 6. Questo è uno dei circuiti che meglio si addicono e ha vinto di più solo in altri tre tracciati: a Misano e Assen ha vinto 8 volte, a Laguna Seca 7; tre circuiti storici che hanno debuttato nel calendario del WorldSBK rispettivamente nel 1991, nel 1992 e nel 1995. Il numero dei podi Kawasaki qui è di gran lunga superiore a quello di tutti gli altri rivali messi insieme, è arrivata a quota 11 podi, contro i 3 di Ducati, i 2 di Aprilia e l’unico podio di Suzuki e Honda (che sommati fanno 7). C’è stata solo un’occasione in cui il giro più veloce non è stato fatto segnare da un pilota Kawasaki: lo scorso anno è stato messo a segno da Marco Melandri (Ducati) in Gara 2.

Yamaha ha registrato il suo miglior risultato al Buriram lo scorso anno, con il quarto posto di Lowes in Gara  2 ed il quinto di van der Mark in Gara 1. Questi risultati sono un miglioramento rispetto al sesto posto ottenuto due anni fa, con Lowes e Guintoli rispettivamente.

MV Agusta è stata in grado di ottenere punti i metà delle gare corse qui, con Leon Camier come pilota. Il britannico ha ottenuto due 11esime posizioni nel 2016 ed un ottavo posto in Gara 1 lo scorso anno.

Fonte: worldsbk.com

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *