La serie C Gold del Club Basket Frascati ha lottato, ma non è riuscita a portar via punti dal
difficile campo della Petriana seconda in classifica. Priva di elementi fondamentali come
Chute e Triggiani (per gli ennesimi infortuni di questa sfortunatissima stagione), la
squadra di coach Marco Martiri ha ceduto per 75-62 sul campo di un avversario forte e
determinato. L’ala grande classe 2000 Alessandro Lafranceschina, che è andato anche a
referto partendo nel quintetto titolare, fornisce la sua analisi della partita.

Le dichiarazioni di Alessandro Lafranceschina

«Abbiamo fatto il possibile, mettendo in campo un buono spirito di squadra e una certa
“cattiveria agonistica”. Il punteggio è stato sempre abbastanza in bilico, poi nell’ultimo quarto Petriana ha preso un certo vantaggio ed è scappata in maniera definitiva. Forse all’ultimo ci è mancato un pizzico di concentrazione in più, ma giocare senza Triggiani e Chute non è semplice». Il giovane atleta, cresciuto sportivamente nel Club Basket Frascati come tanti altri classe 2000 che sono nel giro della prima squadra, è soddisfatto dello spazio che sta avendo in questa annata.

«Sento tanta fiducia da parte del club e di coach Martiri che sta facendo un lavoro importante su noi giovani. Ho giocato diverse partite e in più di qualcuna ho anche messo a segno dei punti, per me è sicuramente motivo d’orgoglio anche se so bene che c’è tanto da lavorare. Intanto continuo a giocare anche col gruppo dell’Under 18 ascoltando pure i consigli di coach Roberto Giammò».

Dovrà sudare molto anche la prima squadra maschile del Club Basket Frascati nel tentativo di centrare la salvezza. «Faremo di tutto per rimanere in serie C Gold – dice Lafranceschina – La squadra ha dei valori importanti al completo, speriamo di riavere al più presto anche Chute e Triggiani». In una situazione complicata come quella del Club Basket Frascati, le partite casalinghe assumono un peso ancor più incisivo e sabato al palazzetto di Vermicino arriva il Formia. «Una partita importante come lo saranno tutte quelle che ci rimangono da giocare da qui alla fine della stagione regolare. Una cosa è certa: daremo il 100% e anche di più in ogni singola sfida» conclude Lafranceschina.