L’analisi di Allegri

 L’analisi di Allegri


«I ragazzi sono stati bravi, la partita era insidiosa anche perché è da queste sfide che passano i campionati: nel primo tempo abbiamo avuto qualche momento in cui abbiamo abbassato la tensione, dopo il vantaggio. Questa, insieme al gol preso, è una cosa che va evitata. Ma comunque, abbiamo rischiato poco o niente, e ripeto la gara non era scontata: abbiamo regalato sprazzi di bel gioco, anche se nel primo tempo la palla rotolava, e non viaggiava…».

Una vittoria in meno verso il grande obiettivo in campionato, prima di tuffarsi nella Coppa: «Si, una vittoria in meno, ma adesso pensiamo alla settimana prossima. Il Porto sta molto bene, è forte nelle ripartenze ed è una società abituata a giocare partite di questo livello. Sarà un bell’ottavo di finale, una di quelle partite che servono non solo a continuare il cammino in Champions, ma anche per la nostra autostima: più vai avanti, più cresci».

Tornando a stasera: «Sono felice per Marchisio, avevo bisogno che recuperasse in senso fisico e anche mentale: avere segnato contro l’avversario contro cui lo scorso anno si era infortunato è stato importante. Pjaca? Una buona partita la sua, è giovane e deve continuare a crescere, anche perché il campionato da cui arriva è meno intenso e le sue qualità erano sufficienti. Bene anche Lemina al rientro e lodevole Rincon. Pjanic non ha giocato perché in settimana aveva lamentato un fastidio alla caviglia, ma le sue doti sono importantissime, dà qualità e fa da schermo davanti alla difesa».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *