Napoli-Palermo 1-1: troppi errori e superficialità condannano ad un inutile pareggio

 Napoli-Palermo 1-1: troppi errori e superficialità condannano ad un inutile pareggio


Il Napoli butta alle ortiche, in un solo colpo, l’opportunità di  viaggiare allo stesso ritmo scudetto della Juventus, agganciare il secondo posto in condominio con la Roma e tenere a distanza l’Inter. Il Pareggio maturato contro il Palermo fa molto male, non perché conseguito contro una squadra oggettivamente mediocre e nettamente inferiore dal punto di vista qualitativo ma più che altro per la tempistica con  cui si è consumato : la gara contro i siciliani doveva essere l’antipasto leggero, da digerire in fretta nell’attesa di affrontare i successivi e ben più impegnativi piatti calcistici che la squadra di Sarri sarà costretta ad affrontare nei prossimi due mesi;  un passo falso , oltretutto dopo una lunga striscia positiva, è giustificabile, capita, ma fa rabbia pensare che viene a cadere proprio nella domenica in cui la contemporanea caduta della Roma, Lazio e Milan avrebbe dato  una scossa positiva e creato un effetto euforizzante per tutto l’ambiente. Il Napoli si è complicato la vita da solo: lo stop casalingo  non solo ha decretato, probabilmente,  la fine delle già flebili speranze di strappare lo scudetto ai bianconeri  ma  ha reso molto più complicata la lotta per i posti in Champions League, facendo  pericolosamente avvicinare in classifica  un’Inter che, rimessa in piedi tatticamente da Pioli e rinforzata dagli acquisti del mercato di riparazione, sta  letteralmente volando. I ragazzi di Sarri hanno peccato di superficialità  più che nell’impegno: la rete dei palermitani dopo solo 6’ di gioco e  la conseguente  partenza ad handicap è , chiaramente , il frutto di questo atteggiamento sbagliato. L’unica rete segnata dagli azzurri , perlopiù su gentile omaggio del portiere rosanero, mette  in evidenza come il reparto avanzato sia stato  poco concentrato nelle conclusioni a rete,  nonostante siano state costruite  un’enormità di azioni pericolose . Sarri , da abile condottiero, aveva  annusato il pericolo e  più volte, in settimana,  evidenziato l’insidia  di una sottovalutazione dell’avversario ed alla fine i fatti gli hanno dato ragione; ora non resta che archiviare velocemente questo scivolone , evitando polemiche e ripercussioni sul morale della squadra, la stagione è ancora lunga ,  il mese terribile è alle porte e va affrontato con il massimo della concentrazione.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

DarioGiuffrida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *