Lezione di calcio del Napoli a S. Siro , Insigne in cattedra!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Bastano solo 9’ al Napoli per  espugnare S. Siro e proseguire la corsa per lo scudetto; è stata una partita di grande intensità emotiva , con un avvio di gara fragoroso grazie alle splendide manovre dei partenopei  che hanno letteralmente stordito i rossoneri . Il Napoli visto nella prima mezz’ora di gioco sembrava una squadra di un altro pianeta, aldilà dei goal, uno più bello dell’altro, ciò che ha incantato gli spettatori della “Scala del Calcio” è stata l’armonia con cui i giocatori napoletani si sono mossi in campo, ballerini di danza classica che disegnavano, sul manto erboso,  geometrie perfette, uno spettacolo calcistico allo stato puro. Una squadra, il Napoli,  padrona  assoluta del campo ed un avversario, il Milan,  letteralmente annichilito, questa l’istantanea dopo un terzo di match; a far rientrare i padroni di casa in partita ci pensavano, però,  gli stessi azzurri che, vittime di infatuazione narcisistica, graziavano i milanisti dapprima con  Mertens,  che in piena solitudine appoggiava  nelle mani di Donnarumma  la palla  che avrebbe archiviato definitivamente la contesa  ed al 37’  con  Jorginho che,  inventandosi  uno sciagurato passaggio arretrato,  permetteva a  Kucka  di involarsi verso la porta , infilare Reina in disperata uscita  ed accorciare le distanze. La partita cambiava immediatamente  volto ed il  Milan, tonificato dal goal e dai buoni consigli di Montella ripartiva , nella seconda frazione di gioco, premendo l’acceleratore al massimo: la difesa del Napoli faticava a contenere gli assalti dei milanisti, Bonaventura sulla fascia sinistra strapazzava  spesso e volentieri uno stralunato Hysaj , Albiol, poco aiutato da Tonelli e Strinic, doveva  ricorrere a tutto il proprio mestiere per arginare gli assalti di Pasalic, Suso e Kucka ed era solo la  Dea bendata a metterci una pezza al 47’ , quando la traversa respingeva  un colpo di testa di Pasalic. Con il passare dei minuti , però, la spinta dei rossoneri  iniziava ad affievolirsi, gli azzurri riprendevano a giocare a dovere  ed Insigne tornava in cattedra regalando agli spettatori un vero  colpo di genio: dopo essersi involato da solo a centrocampo, con una giravolta si liberava dell’avversario e da distanza siderale faceva partire un pallonetto che scavalcava  Donnarumma ma la palla, purtroppo per lui,  si spegneva  di poco sul fondo: se la palla fosse entrata in rete sarebbe stato il goal dell’anno e , forse , qualcosa in più. La rete mancata da Insigne aveva , però, l’effetto di spegnere i bollenti spiriti dei Montella boys e di rincuorare gli azzurri: Il Napoli, forte, anche, dei cambi opportunamente operati da Sarri, che faceva  entrare Diawara e Zielinski al posto di uno spento Jorginho ed uno stremato Hamsik ( buona la sua prova) , si difendeva  con più ordine ed il Milan , nonostante un lungo possesso palla, non riusciva  più a  rendersi pericoloso . Il Napoli, quindi,   conquista  la vittoria e fa sua una partita difficilissima: uscire, guadagnando l’intera posta in palio, da S. Siro rappresenta , da sempre, un’impresa e quella fatta dai ragazzi di Sarri ne ha tutte le caratteristiche; il Milan esce, invece,  fortemente ridimensionato, la buona volontà espressa dai ragazzi di Montella non basta ad avere la meglio su una squadra più dotata  tecnicamente e tatticamente. Da S. Siro arriva un messaggio chiaro al campionato: Il Napoli non molla!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick