F1, Cina: l’analisi del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lewis Hamilton trova nell’uovo di Pasqua il terzo successo sul circuito cinese, e per la prima volta in carriera coglie tre vittorie di seguito. Quello del Gran Premio di Cina è stato per l’inglese un trionfo: partenza dalla pole, ottimo spunto al via, politica dei pit stop perfetta, gestione della vettura ottimale. Il numero 44 arriva alla bandiera a scacchi in solitario e raggiunge quota 25 vittorie, proprio come un certo Niki Lauda. La leadership in classifica è distante solo quattro lunghezze, ma visto il trend di questo inizio stagione, c’è da scommetterci che alla prossima gara sarà sua. In seconda piazza troviamo Nico Rosberg. Nelle prove il tedesco è apparso sotto tono rispetto al potenziale della vettura che guida, e solo in gara riesce a mettere una pezza. Il distacco di 18 secondi da chi ha lo stesso pacchetto tecnico, però, è pesante e in Spagna dovrà convincere la squadra che per la lotta al titolo piloti c’è anche lui. Per la Mercedes si tratta della terza doppietta consecutiva; supremazia che appare ancora molto solida. A tagliare terzo il traguardo è Fernando Alonso. Così la Rossa fa suo il primo podio stagionale, il primo dell’era ibrida. Allo spegnersi del semaforo l’asturiano la sua F14T sono una lepre e non risentono del contatto con la Williams di Felipe Massa. Il graining (guardate la sua gomma sinistra dopo solo quattro giri) è un problema che non ostacola la gara di Nando. La strategia ai box è perfetta e Vettel viene superato dopo il primo pit stop. Nelle ultime tornate Daniel Ricciardo è arrembante, ma nulla può contro la grinta di Alonso, bravo nella gestione degli pneumatici dopo l’ultimo cambio. Male l’altro ferrarista Kimi Raikkonen, ottavo. Risultato del finlandese che evidenzia ancora di più i meriti del pilota numero 14. Lo champagne bevuto da quest’ultimo è un buon auspicio per il team, che inizia a raccogliere i frutti dell’intenso lavoro degli ultimi giorni. Se si confronta il gap del Bahrein con quello di Shangai, la misura si è ridotta ad un terzo. Non dimentichiamo, però, che l’anno scorso a trionfare fu Alonso. Certo la rossa è apparsa trasformata, ha più velocità, ma è prematuro parlare di effetti della cura Mattiacci (finalmente Stefano Domenicali ha tolto il disturbo). Il nuovo responsabile della gestione sportiva di Maranello (al quale vanno i nostri auguri) fa bene a dire che questa è la Ferrari e che serve continuità. La Mercedes è ancora la vettura migliore e raggiungerla sarà difficile; occhio anche alla Red Bull, a mio avviso nel complesso più performante della Rossa. Negli anni, però, più volte il cavallino rampante ci ha sorpreso con recuperi che sembravano impossibili. Il capitolo Red Bull vede ancora una volta Ricciardo sverniciare Sebastian Vettel. Mister 4 volte paga dall’australiano mezzo secondo in prova e 20 secondi al traguardo. Se non vuol dare ragione a chi diceva che dominava solo grazie alla supremazia della Red Bull, il tedesco deve subito cambiare registro. A oggi, però, perde il confronto con Alonso. Entrambi non guidano la migliore vettura ma Nando ci mette il cuore e bene o male fa belle figure, mentre Seb è autore di gare anonime e le prende dal proprio compagno di squadra. E’ davanti a Ricciardo in classifica ma solo perché quest’ultimo è stato squalificato a Melbourne. Gara noiosetta, rumore delle vetture stile rasoio Braun. Si scrive F1, ma a dirlo è difficile….

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick