Motomondiale: Casey Stoner tra le leggende del motociclismo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Dopo nomi del calibro di Giacomo Agostini, Mick Doohan, Wayne Gardner, Mike Hailwood, Eddie Lawson e molti altri, finisce nella motoGP Legend anche Casey Stoner, il pilota australiano che ha lasciato il mondo delle corse in pieno splendore agonistico gareggiando per l’ultima volta sul circuito di Valencia conquistando un emozionante terzo posto.
Il canguro, così definito dagli addetti ai lavori, ha cominciato come wild card a 15 anni nel mondiale 125 a Donington Park, preso poi nelle mire di Lucio Cecchinello che lo fece correre in 250 e che lo trasportò nell’immediato futuro in motoGP su una Honda, che, ironia della sorte, è stata la moto che lo ha tenuto a battesimo e quella che gli ha detto “ciao, arrivederci…”
Rimasto nel cuore di tutti per aver portato la Ducati al massimo titolo di sempre, il mondiale motoGP, con le epiche battaglie contro Valentino Rossi, Catalunya e Laguna Seca su tutte, dove i due grandi campioni hanno portato il motocilcismo sportivo ai massimi picchi.
Dopo aver passato un periodo no derivato dal suo carattere poco gestibile, Stoner torna in Honda e, dopo una stagione  fatta di successi e giri veloci, conquista il suo secondo titolo mondiale. Favorito anche per quest’anno, il canguro si è tirato indietro dopo Indianapolis a causa di un incidente che lo ha tenuto fuori a lungo perdendo punti davvero pesanti.
All’età di 27 anni Casey Stoner ha deciso che la sua vita è vicino alla sua famiglia e non nei paddock di tutto il mondo ma mettendo in bacheca due titolio mondiali, 45 vittorie, 89 podi e 43 pole position.

 

 

Alessio Cavalli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick