Mondiale SBK: a Portimao ennesima pole-capolavoro di Tom Sykes

 Mondiale SBK: a Portimao ennesima pole-capolavoro di Tom Sykes


Nella lotta a tre per la conquista al titolo mondiale SBK, sul circuito portoghese di Portimao, si conferma, per l’ottava volta in questo campionato, Tom Sykes, Kawasaki Racing Team, fermando il crono sull’1’41”415 che gli vale anche il record della pista firmato da Johnny Rea lo scorso anno, mettendo da subito in chiaro che domani, salvo i problemi di gomme che hanno afflitto la “verdona” per tutto l’anno, sarà l’uomo da battere.
Al suo fianco una rinata Ducati, con Carlos Checa, ormai fuori dalla lotta al titolo, staccato di soli 365 millesimi, precedendo la prima Aprilia, quella di Eugene Laverty, in netta crescita negli ultimi gran premi, e all’altro pretendente al titolo Marco Melandri, BMW Motorrad Motorsport, a chiudere una prima fila da scintille.
Soltanto quinto Max Biaggi, Aprilia Racing Team, ma consapevole di avere un passo gara incredibilmente veloce, ma che dovrà stare attento a due inseguitori accaniti come Leon Haslam, BMW Motorrad Motorsport, e Johnny Rea, Honda World Superbike, rispettivamente sesto e settimo, e che il prossimo anno saranno compagni di squadra nella Honda sponsorizzata Pata.
Nella top ten Chaz Davies, ParkinGO MTC Aprilia, ottavo,  che ha già dimostrato di avere nel polso destro l’abilità di grandi rimonte, Leon Camier, Fixi Crescent Suzuki, nono, dopo l’ottima prestazione in Germania sul tracciato del Nurburgring, e il nostro Davide Giugliano, Ducati Team Althea, decimo, con qualche problema di assetto che non gli hanno permesso di accedere nei primi “otto”.
Buona prestazione per David  Salom, Team Pedercini, che riesce ad entrare nella superpole,  dopo la parentesi in motoGP, fermato però da un problema al posteriore della moto.
Non bene gli altri italiani in gara con Lorenzo Zanetti, Team Pata, diciottesimo, fermato da un problema tecnico sulla sua Ducati,  seguito da Lorenzo Lanzi, Team Effenbert Liberty Racing, 21esimo, da Matteo Baiocco, Ducati Red Evils, 22esimo, che sostituisce l’infortunato Niccolò Canepa, e l’intramontabile Norino Brignola, BMW Grillini Progea Superbike Team.
Due gare tutte da seguire e che potranno decidere le sorti di un  mondiale ancora apertissimo, con appuntamento alle ore 13 per gara 1 e alle ore 16 e 30 per gara 2.

 

 

Griglia di Partenza Gran Premio del Portogallo, Portimao

 

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
02- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198
03- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory
04- Marco Melandri – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR
05- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory
06- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR
07- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR
08- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory
09- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000
10- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198
11- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198
12- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
13- Brett McCormick – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198
14- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR
15- Michel Fabrizio – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR
16- David Salom – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R
17- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR
18- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198
19- John Hopkins – FIXI Crescent – Suzuki Suzuki GSX-R 1000
20- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R
21- Lorenzo Lanzi – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198
22- Matteo Baiocco – Red Devils Roma – Ducati 1198
23- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR

 

 

 

Emanuele Bompadre

 

 

[nggallery id=281]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Emanuele Bompadre

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *