Due sbavature difensive condannano una Futsal Isola ancora gagliarda,  che dimostra sul campo di una CarliSport di categoria superiore (la  formazione di Ariccia milita in B), come il partitone contro la Lazio e  i 30 minuti alla pari con la squadra di D’Orto non siano stati un caso.
 Pressing, possesso palla, costanza e piglio giusto. Lattanzi e il diesse  Segantini stanno forgiando una squadra d’acciaio. Il gioco sta premiando  le scelte estive. Manca solo il risultato per mettere le ali a gruppo  che sulla carta se la giocherà con tutti.
 LA PARTITA Seconda amichevole per gli arancioverde del presidentissimo  Massimiliano Mazzuca. Fischio d’inizio alle 19.30 in casa della  CarliSport Ariccia, formazione ostica, attrezzata per un campionato di  vertice in B. La Futsal Isola va alla grande. La squadra di mister  Lattanzi gioca bene. Difende con piglio e fa male quando riparte. La  CarliSport va sotto con una intuizione di Mike Guerra, abile a  finalizzare una azione con i fiocchi. La squadra è in palla ma Ariccia  preme sull’acceleratore e per diversi minuti schiaccia gli isolani nella  propria metà campo. È un ottimo esame per testare la difesa. Il  risultato non si schioda, poi i due episodi che cambiano la partita. La  Futsal Isola si fa male da sola, due sbavature difensive premiano una  CarliSport brava e fortunata a farsi trovare al posto giusto al momento  giusto. La iella ci mette il suo. Agli errori si aggiungono anche un  paio di rimpalli fortunati e Ariccia va sopra. La formazione dei  castelli si ripete poco dopo, ma la Futsal non molla e accorcia con  capitan Imperato: 3-2 e tutti a riposo, dopo un primo tempo alla pari,  giocato bene dalla Futsal Isola che convince ma deve registrare qualche  amnesia di troppo dietro. Mister Lattanzi striglia la squadra negli  spogliatoi e la Futsal Isola entra in campo determinata a fare  risultato. Ma la CarliSport segna altre due volte. Finisce 5-2, una  beffa per gli isolani che giocano bene e convincono contro un’Ariccia  che farà parlare molto di sé.
 I COMMENTI Non fa drammi il diesse Enrico Segantini: “Abbiamo mantenuto  un ritmo alto, pressato, girato bene la palla. È stata una buona partita  al di là del risultato finale che in estate conta poco. Ci interessava  testare la squadra dopo la prova contro la Lazio. Le risposte sono  arrivate. Meglio così”. Qualcosa da revisionare c’è. La Futsal Isola  continua a farsi male da sola: “Abbiamo preso gol su due errori nostri,  quando eravamo in vantaggio – sottolinea Segantini -. C’è stata poca  attenzione in fase difensiva. Mettiamoci poi che Ariccia è una ottima  squadra che in B darà filo da torcere a tutti. Da parte nostra non  possiamo che lavorare sodo per rivedere alcuni meccanismi che hanno  lasciato a desiderare. Le amichevoli servono a questo. Punti in palio  non ce ne sono”. La preparazione s’è fatta sentire. La squadra è apparsa  stanca, testa e gambe sono ancora imballate. “È naturale a questo punto  sentire il fiato corto, ma non bisogna dare la colpa solo ai carichi di  lavoro – ammonisce il diesse -. Non possiamo permetterci questo tipo di  distrazioni in campionato. Oggi una sconfitta ci può stare, ma dal 17 si  fa sul serio. Lì i risultati conteranno, e molto”.

nella foto Mauro Imperato, Roberto Montenero

 A.S.D. Futsal Isola – Ufficio Stampa
[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/4416/” title=”4416″]