Power Balance: miracolo tecnologico o bufala da buontemponi?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il Power Balance è diventato elemento “cult” dei giovani e meno giovani, soprattutto se sportivi. Negli Sati Uniti viene venduto nei negozi specializzati per surfisti.
Quella che segue è la descrizione “tecnica” del prodotto trovata su internet: “Power Balance è un sistema energetico, un amplificatore naturale di energia che, entrando in risonanza con i sistemi elettronici, chimici e biologigi del nostro corpo ne aumenta l’efficienza istantaneamente. In altre parole è uno strumento che aumenta la forza del nostro campo biologico proteggendolo così da elettromagnetismi distruttivi esterni. In breve, le micro-frequenze emesse dall’ologramma hanno il potere di riequilibrare il campo di forza magnetico del corpo e danno più equilibro, più forza, tolgono lo stress e fanno dormire meglio”.
Detto così, anche se studiosi e dottori hanno riscontrato nell’utilizzo del Power Balance tante  caratteristiche benefiche per cui lo consigliano, a noi qualche perplessità rimane, per cui ci rechiamo da O-Zone sulla Via Anguillarese, e parlando con il titolare Giorgio Spezia, scopriamo che Power Balance innanzi tutto è un ologramma.
Puo’ un semplice ologramma dal nome Power Balance permetterti di mantenere l’equilibrio e dare un potere al tuo corpo che solitamente non ha?
“Nasce nel mondo dei surfisti e degli skaters dove l’equilibrio e’ fondamentale per eseguire tricks e performance; il Power Balance potrebbe sembrare un invenzione goliardica californiana. Il fatto e’ che pare funzioni veramente”.
Quanto dura il suo effetto?
“Dura una vita e non si consuma mai. Di cosa sia fatto esattamente non saprei dire. Sembra comunque che skaters e snow boarders se lo appiccichino dentro ai calzini prima delle gare”.
Che tipo di confezione vendete?
“Viene venduto inserito su una specie di carta di credito da tenere nel portafoglio, oppure inserito su un braccialetto elasticizzato, o anche sfuso per essere incollato sotto l’orologio o dietro una medaglietta”.
Guidati da Giorgio non abbiamo potuto fare a meno di testarlo anche noi sottoponendoci ad esperimenti di forza, equilibrio e scioltezza e dobbiamo ammettere  che il risultato ci ha colpito.

Renato Magrelli [foldergallery folder=”cms/file/BLOG/363/” title=”363″]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick