MotoGp, Austin 2022: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
pagella

ENEA BASTIANINI 10: L’italiano ci ha preso gusto ed è il primo pilota dell’anno a vincere 2 gare. In griglia è il quinto delle 5 meraviglie rosse che hanno dominato le qualifiche. In gara è semplicemente perfetto. Bravo nel leggere le diverse fasi di gara, Enea ha guidato con una padronanza tale da sembrare un veterano della categoria. Una guida così efficace che agli avversari sono rimaste solo le briciole. Il ducatista, poi, è di nuovo al comando in classifica. Sontuoso!

 

ALEX RINS 9: Lo spagnolo è autore di un’altra buona prestazione che gli regala la piazza d’onore. In più ha messo, anche questa volta, alle spalle il teammate. La costanza è la sua arma forte e in un campionato dove manca il killer, può essere una delle sorprese. Bravo!

 

JACK MILLER 5: Quando parti secondo e concludi terzo, quando guidi una moto ufficiale ma chi guida la tua vecchia moto ti svernicia e vince, neanche l’ultimo gradino del podio salva il fine settimana. L’australiano è la prima “fraterna” vittima del predatore Bastianini. Rimandato!

 

JOAN MIR 6: Una volta era sempre davanti al proprio compagno di squadra. Un tempo era impegnato nelle lotte per il vertice e addirittura è stato campione del mondo. Oggi, invece, è poco più di un buon alfiere. Smarrito!

 

PECCO BAGNAIA 4: C’era una volta il favorito al titolo…L’italiano colleziona un’altra gara incolore nonostante le qualifiche lasciassero presagire piazzamenti migliori. Purtroppo sembra essere entrato in un vortice negativo la cui via d’uscita è sempre più lontana. Lontana proprio come la vittoria andata a chi guida quella che era la sua moto. Bocciato!

 

MARC MARQUEZ 9,5: E’ l’altro protagonista della trasferta americana. Una partenza disastrosa lo relega nelle ultime piazze. Tra problemi fisici e noie tecniche, altri al suo posto avrebbero alzato la bandiera bianca. L’8 volte campione del mondo, però, è un mastino e giro dopo giro recupera posizioni. Il ritmo è uguale a quello dei battistrada e a farne le spese è anche il campione del mondo in carica. Se la sfortuna smette di fargli compagnia, il pilota di Cervera sarà, a mio avviso, l’uomo da battere. Stratosferico!

 

FABIO QUARTARARO 6: La Yamaha non è di aiuto in questo periodo e l’iridato non riesce più a fare la differenza. Se a ciò aggiungiamo che le ha prese anche da un “reduce” delle retrovie, si capisce che per il francese “adda passà a nuttata”. Forza!

 

JORGE MARTIN 4,5: Dalla medaglia d’argento all’anonimato, nonostante una pole position; il percorso del madrileno è un condensato di gioie e dolori. Senza dubbio è uno dei talenti più interessanti del circus ma in questa fase sembra aver perso la bussola. Occorre un cambio di rotta altrimenti rimarrà solo una buona promessa. Sveglia!

 

DUCATI: invincibile nelle vesti private.

 

SUZUKI: equilibrio costante.

 

HONDA: sempre più Marquez dipendente.

 

YAMAHA: Nobile decaduta.

 

KTM e APRILIA: chi le ha viste?

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp
[smiling_video id=”260883″]

var url260883 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1161&evid=260883”;
var snippet260883 = httpGetSync(url260883);
document.write(snippet260883);

[/smiling_video]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick