Christian Amoroso: “Fiorentina e Bologna meritano quella posizione”

 Christian Amoroso: “Fiorentina e Bologna meritano quella posizione”


Una carriera vissuta a pieno con le maglie di Fiorentina e Bologna, grazie alle quali ha tagliato il traguardo delle 200 presenze in Serie A, e conquistato una Coppa Italia. Ha diviso lo spogliatoio con campioni del calibro di Rui Costa, Batistuta, Edmundo, Di Vaio e Pagliuca. Una carriera da allenatore iniziata quasi 10 anni fa, nella quale ha sfruttato al meglio gli insegnamenti ricevuti da veterani come Spalletti, Mancini, Mazzone e Mihajlović. Quest’oggi Christian Amoroso è ritornato a farci visita, raccontando ai nostri microfoni le sue numerose esperienze e facendo il punto sull’attuale campionato, in particolare sulle vicende di Bologna, Fiorentina e del Napoli di Osimhen.

Hai giocato tanti anni con le maglie di Fiorentina e Bologna, come giudichi la stagione di entrambe fino a questo momento?

Penso che finalmente occupino la posizione che meritano, sono anni che entrambe stanno investendo tanto, e adesso si vedono i frutti del duro lavoro. Il Bologna tutti gli anni cerca di regalare giocatori importanti al proprio allenatore, in modo da raggiungere la posizione che gli compete. È un lavoro importante, nel calcio spesso si pretende di avere tutto e subito, ma non funziona così. Hanno intrapreso la strada giusta e i risultati stanno arrivando. La Fiorentinaormai da diversi anni vive una situazione differente, con un target leggermente più alto, ma che non ha portato ai risultati sperati. Quest’anno con Italiano la musica sembra cambiata, ha modificato lo stile di gioco della squadra e i numeri parlano a suo favore. Sono molto contento per entrambe”.

Restando in tema Fiorentina, quanto incide il lavoro fatto da Rocco Commisso?

“Ha dato l’idea di una società importante, che vuole investire nel futuro, e il centro sportivo ne è la prova. Nel calcio di oggi è fondamentale avere strutture moderne e adeguate, che racchiudano in se tutte le squadre, comprese quelle giovanili. Lavorare bene con il settore giovanile è molto importante, soprattutto se si vuole ambire a sfornare qualche giovane prospetto, e finalmente alcune società stanno ritornando a puntarci. Avere una società solida, come quella della Fiorentina, fa la differenza”.

Parlando di singoli, come giudichi la gestione del caso Vlahovic? Secondo te, può restare sino a fine stagione o andrà via già a gennaio?

“Questo è molto difficile da dire, sarebbe come lanciare una moneta (ride ndr)…La cosa importante è che diano il massimo l’uno per l’altro, poi se si riesce ad arrivare a un compromesso sino a fine stagione meglio ancora. Spesso in queste situazioni si rischia di arrivare a uno scontro, che non fa bene a nessuno, invece loro la stanno gestendo bene. Vlahovic quasi sicuramente andrà via, che sia a gennaio o in estate, in questo momento, è il male minore. L’importante è che diano tutti il massimo sino alla fine del loro rapporto”.

Sei stato uno degli ultimi giocatori, nella stagione 2000/2001, a vincere la Coppa Italia con la Fiorentina. Secondo te i viola hanno le carte in regola per interrompere il lungo digiuno?

“Penso proprio di si. Stiamo parlando comunque di un trofeo importante, che ti da prestigio, e poi vincere una coppa è sempre bello. Se le big del nostro campionato dovessero andare avanti in Europa potrebbero decidere di risparmiare energie in Coppa Italia, e questo sarebbe un grande vantaggio per la Fiorentina. Credo che sia un trofeo alla loro portata, poi dipende molto anche dalle circostanze e da quanto si impegneranno le altre squadre”.

Restando su quella vittoria, l’allenatore era Roberto Mancini. Che ricordo hai di lui? Ti aspettavi diventasse un allenatore di questo livello?

“Non me l’aspettavo, anche perché quando arrivò da noi era alla sua primissima esperienza, chiese addirittura l’abilitazione a Coverciano per poter allenare. Rimasi impressionato, perché era molto diverso rispetto al Mancini giocatore. In campo aveva un carattere particolare, non facile da gestire, mi ricordo che si arrabbiava molto. Da allenatore era tutto il contrario, riusciva sempre a mantenere la calma, oltre ad avere una grande conoscenza del gioco e doti tecniche. Era riuscito a fare immediatamente il cambio di mentalità, il che non è sempre facile quando passi dall’altra parte del campo in maniera così rapida. Questa è stata la cosa che più mi ha colpito di lui, e che l’ha portato a vincere meritatamente”.

Anche Sinisa Mihajlović era alla sua prima esperienza quando vi siete incontrati. Hai notato anche in lui questa trasformazione?

“No, lui è diverso rispetto a Mancini, ma stiamo parlando comunque di un temperamento importante. È un tipo di allenatore che ti da tanto dal punto di vista mentale, ti trasmette la cattiveria giusta per entrare in campo, è un approccio molto diverso rispetto al Mancio. Mihajlović si è portato dietro la stessa attitudine che aveva da giocatore, quando arrivò a Bologna avvertimmo subito il suo carisma, nonostante fosse alla prima esperienza. Quando alleni squadre di un certo livello l’autorevolezza conta quasi più delle doti tecniche, quelle le assimili più avanti con l’esperienza. Credo che il suo carisma abbia fatto la differenza, poi negli anni è riuscito ad affinare le sue ottime doti tecniche”.

Ci sono stati altri allenatori che ti hanno lasciato qualcosa, da poter sfruttare nel corso della tua carriera da tecnico?

Si cerca di trarre il massimo da chiunque, di rubare anche il più piccolo dettaglio, che sia un esercizio oppure un modo di comportarsi. Di Carlo Mazzone mi colpì la ricerca estrema del possesso palla, era una sua costante, anche nelle squadre di medio-bassa classifica. Voleva che le sue squadre facessero sempre la partita. Anche Renzo Ulivieri, che poi ho ritrovato al corso allenatori, mi ha insegnato tanto dal punto di vista tecnico e tattico”.

Hai condiviso lo spogliatoio con tanti campioni, di alcuni ci hai già parlato. Uno che ti ha colpito particolarmente e dal quale hai cercato di rubare qualche dettaglio in più?

“Tendevo a guardare di più quelli che giocavano nel mio ruolo, uno che mi piaceva particolarmente era Luigi Di Biagio. Lo guardavo con attenzione, era un giocatore molto completo nonostante non avesse una grande struttura fisica. Aveva una grande velocità tecnica ma soprattutto di pensiero, sapeva giocare molto bene la palla. Quando dalla primavera della Fiorentina passai all’Empoli di Spalletti, Di Biagio venne ad allenarsi qualche giorno con noi. Grazie a lui scoprì per la prima volta la differenza tra la Serie B, che era già un campionato importante, e la Serie A”.

Che idea ti sei fatto su questa prima parte di campionato? C’è già una favorita? Inter e Juventus possono rientrare in corsa per lo Scudetto?

“È un campionato lungo, l’Inter si sta concentrando di più sulla Champions League, ma credo abbia le carte in regola per rientrare nella lotta Scudetto. La Juventus sta facendo fatica, ma questo era prevedibile, non credo riesca a colmare il gap necessario per puntare al primo posto. Milan e Napolistanno facendo un ottimo campionato, quest’ultimo in particolare mi sembra più completo. Gioca con grande spensieratezza, ha tutto quello che serve per restare in testa sino alla fine. Hanno a disposizione un giocatore incredibile come Osimhen, che a mio modo di vedere è anche più forte del Lukaku dello scorso anno. Sa fare veramente tutto, sembra quasi che campi di prepotenza, mi ha veramente impressionato. Purtroppo per il Napoli salterà diverse partite a causa della Coppa d’Africa”.

Hai giocato e allenato a Pisa, come giudichi l’avvio della squadra? Conoscevi già mister Luca D’Angelo? Può puntare alla promozione?

“Il Pisa mi ha sorpreso, ha costruito una buona squadra. Vedendo il mercato ero un po’ scettico, perché ha fatto tante scommesse, a partire da Lorenzo Lucca, e invece alla fine hanno avuto ragione loro. Hanno costruito una squadra competitiva, ma non so se la società stia già pensando alla Serie A. Penso sia ancora prematuro parlare di promozione, prima di tutto devono puntare a concludere bene quest’anno rimanendo nelle zone alte. D’Angelo? Non lo conoscevo, ma mi da l’idea di essere un allenatore lineare, che fa poche cose ma tutte fatte bene. La squadra lo sta seguendo alla grande, è già da diversi anni a Pisa, e questo vuol dire che anche la società nutre fiducia in lui. È un buon allenatore e sta facendo un bel lavoro a Pisa“.

Concludiamo con una domanda sul tuo futuro, visto che hai da poco terminato l’avventura con il Real Forte Querceta. Stai già preparando il ritorno in panchina? Prenderesti in considerazione anche un’esperienza all’estero?

“Ho molta voglia di ritornare ad allenare, ma bisogna aspettare l’offerta giusta. Ho bisogno di una società che mi permetta di lavorare con serenità e che magari abbia a disposizione una struttura importante, cosa non facile in Serie D. Non ho fretta, se capita l’occasione giusta, che mi permetta di lavorare bene, sono pronto a tornare. Esperienza all’estero? Se dovesse venir fuori una proposta interessante la valuterei con piacere, altrimenti aspetterò senza fretta”.

Fonte: Footballnews24.it


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *