Volley, alle azzurrine non basta la grinta per superare la capolista

 Volley, alle azzurrine non basta la grinta per superare la capolista


Il Club Italia CRAI cede sul campo della capolista Omag San Giovanni in Marignano 3-0 (25-12, 25-20, 25-22) che mantiene la propria imbattibilità in questa regular season del Girone A del Campionato di A2. La quinta giornata di ritorno non sorride alle azzurrine che devono fare a meno di Populini, utilizzata solo in ricezione a causa di un risentimento alla spalla. Subito il gioco avversario nel primo set, le giovani della formazione federale sono poi riuscite a contenere le padrone di casa nei due parziali successivi dando prova di carattere e dimostrando buon gioco.

Per questo match nella giornata di Santo Stefano coach Massimo Bellano ha schierato la diagonale Pelloia-Frosini, le schiacciatrici Bassi e Gardini, le centrali Nwakalor e Graziani e il libero Panetoni.
Il tecnico Stefano Saja si è invece affidato a Pamio, Gray, Decortes, Saguatti, Lualdi, Battistoni e al libero Bresciani.

La cronaca

Partono subito forte le padrone di casa che si portano in vantaggio sfruttando un buon turno di battuta di Decortes (8-2). Il time out chiamato da coach Bellano permette alle azzurrine di riprendere la corsa, ma San Giovanni in Marignano aumenta il ritmo (13-5). Pelloia, Frosini e Gardini riavvicinano il Club Italia (17-11), ma la formazione di casa è decisa a mantenere la propria imbattibilità e chiude agevolmente il primo set a proprio favore (25-12).

Partenza decisa della formazione di casa anche in avvio di seconda frazione (5-1). Cambio in regia per il Club Italia: fuori Pelloia, dentro Monza. Le azzurrine riescono a prendere le misure alle avversarie e con un break di 4 punti filati pareggiano i conti (5-5). Si procede in equilibrio (7-7) ed è San Giovanni in Marignano a tentare un nuovo allungo (11-7) inducendo il tecnico federale al time out. Pronta la reazione azzurrina: le giovani del Club Italia accorciano le distanze (12-10). Alla nuova accelerazione delle padrone di casa (17-13) rispondono la neoentrata Kone (prende il posto di Nwakalor) e Bassi (17-15). Con grinta le azzurrine restano in scia (20-18) ma San Giovanni in Marignano a trovare lo spunto per chiudere (25-20).

L’avvio del quarto set è targato Club Italia: le azzurrine trovano il giusto ritmo e allungano il passo spingendosi sul +5 (5-10). San Giovanni in Marignano prova ad accorciare le distanze (8-10), ma le giovani della formazione federale tengono le avversarie a distanza (10-12). La squadra di casa pareggia i conti (12-12) e tenta di allungare il passo (14-12). Il time out di coach Bellano permette alle azzurrine di rimanere in scia (17-15). Le giovani della formazione federale resistono anche all’ennesimo allungo delle avversarie (20-15) riaprendo il terzo set (22-20). Un ace di Gardini nel finale (23-22) può riaprire la gara, ma è San Giovanni in Marignano a chiudere (25-22) riuscendo a mantenere la propria imbattibilità in questa regular season.

MASSIMO BELLANO

“Nel primo set non siamo entrati in partita e ci siamo lasciati travolgere dal ritmo di San Giovanni in Marignano e dalla qualità -soprattutto in battuta – delle nostre avversarie. Progressivamente, con l’andare della partita, abbiamo fatto meglio in ricezione e questo ci ha aiutato a sviluppare con maggiore continuità il gioco in attacco. Quando abbiamo ricevuto con la palla staccata da rete abbiamo fatto troppa fatica in attacco.

Questo è uno dei due punti su cui dobbiamo un po’ recriminare questa sera. Un po’ più di qualità lì e in battuta, dove abbiamo sbagliato troppo, ci avrebbe permess o di giocare almeno quattro set e la partita sarebbe potuta cambiare. C’è rammarico sotto questo aspetto perché, rispetto all’andata, San Giovanni in Marignano è sembrata una squadra più alla portata, ma forse non ci abbiamo creduto fino in fondo. Non siamo riusciti a dare la qualità che avremmo potuto. E’ stata comunque un’esperienza importante nel vissuto della nostra squadra. Da domani iniziamo a pensare alla partita con Soverato in casa per proseguire al meglio la nostra stagione che fino ad ora è stata comunque una buona.

Per tutta una serie di motivi, abbiamo dovuto spesso cambiare l’assetto nel corso dell’anno e questo non ci ha mai dato continuità, ma la squadra non si è mai demoralizzata ed è sempre rimasta sul pezzo. Anche questa sera dove, per la prima volta nella stagione, sembrava che potessimo perdere male, in realtà nel secondo e nel terzo set abbiamo rialzato b ene la testa e abbiamo dato del filo da torcere alle nostre avversarie. Fin qui la stagione per noi è sicuramente positiva e questo gruppo fa intravedere cose molto buone”.

Il tabellino

OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO-CLUB ITALIA CRAI 3-0 (25-12, 25-20, 25-22)
OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO: Pamio 11, Gray 4, Decortes 20, Saguatti 6, Lualdi 8, Battistoni; Bresciani (L), Bonelli, Mandrelli (L). Ne: De Bellis, Coulibaly, Pinali, Mazzon. All. Saja.
CLUB ITALIA CRAI: Frosini 11, Bassi 5, Graziani 5, Pelloia 1, Gardini 11, Nwakalor 2; Panetoni (L), Sormani, Monza 1, Kone 5, Populini. Ne: Marconato (L), Trampus, Ituma. All. Bellano.
DURATA SET: 18’, 25’, 28’.
ARBITRI: Andrea Bellini e Alessandro Ornelli.
OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO: 8 a, 7 bs, 4 mv, 13 et.
CLUB ITALIA CRAI: 1 a, 14 bs, 7 mv, 26 et.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *