Il 2019 di Marc Marquez è un anno eccezionale. Il pilota Repsol Honda conquista il suo sesto titolo iridato della classe regina, ottavo in carriera. Alla vigilia dell’appuntamento thailandese, Marquez sapeva di dover ottenere solo due punti in più rispetto al suo prinicpale rivale, Andrea Dovizioso (Ducati Team) per diventare campione e così è stato.

Fa un bruttissimo highside durante le prime libere del venerdì e il fine settimana dell’aspirante campione sembra compromesso. Viene portato all’ospedale di Buriram per degli accertamenti ma viene poi dichiarato idoneo per tornare in pista. Marquez è indistruttibile e affronta le successive sessioni, un po’ dolorante ma il desiderio di vincere il titolo è più forte di ogni altra cosa. Cade di nuovo durante le qualifiche, questa volta è una semplice scivolata, scatta dalla terza casella dello schieramento alle spalle delle Yamaha di Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) e di Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP) mentre Dovi è settimo al via. La gara a Buriram è invece del futuro campione mentre Dovi è quarto.

Il resto è già storia, Marc Marquez si conferma campione del mondo per l’ottava volta in carriera.

Fonte: motogp.com