MotoGp: 10 cose da sapere sul GP di Aragón

 MotoGp: 10 cose da sapere sul GP di Aragón


Il team Ducati è arrivato in Spagna direttamente dall’Italia per disputare il GP di Aragón, quattordicesimo appuntamento della stagione. Scopriamo di seguito 10 dati essenziali della prossima gara nel circuito di Motorland (Alcañiz):

– Quella di quest’anno sarà la decima edizione del Grand Prix di Aragón.

– Il team Ducati ha un totale di 5 podi su questa pista con 5 piloti diversi. Il doppio podio di Stoner (1°) e Hayden (3°) nel 2010, Crutchlow (3°) nel 2014, Lorenzo (3°) nel 2017 e Dovizioso (2°) nel 2018.

– Andrea Dovizioso ha raggiunto due podi ad Aragón. E’ arrivato terzo nel 2012 e, con il Ducati Team, secondo lo scorso anno.

– La scorsa stagione è stata la prima volta in cui Danilo Petrucci si è classificato tra i primi dieci (7°) su questo circuito.

– La prima gara della MotoGP nella storia di Motorland Aragón è stata vinta dalla Ducati di Casey Stoner nel 2010.

– Il circuito aragonese è il sesto circuito spagnolo che ospita il Campionato mondiale motociclistico dopo Jerez, Montmeló, Montjuic, Jarama e Cheste.

– Il record di velocità massima in Aragona è detenuto da Ducati (Iannone), con la velocità di 345,8 km/h.

– Ci sono 7 curve dove si scende sotto gli 85 km/h, mentre la curva 9 è la più lenta di tutte, dove la velocità scende a 72 km/h. Ciononostante, la prima marcia non viene utilizzata in nessun punto del circuito, ad esclusione della partenza.

– Motorland ha una chicane simile a quella di Laguna Seca e per questo motivo è anche conosciuta come il Cavatappi, a causa del layout delle due curve e del dislivello tra il punto più alto e l’uscita dalla curva.

– Il rettilineo più lungo è quello dietro al paddock, con una lunghezza di 968 metri, dove vengono superati i 340 km/h.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *