Chi semina bene, raccoglie buoni frutti. Uno degli adagi popolari più noti si può adattare bene al Consalvo Calcio: il club capitolino di via del Quadraro da anni sta portando avanti un lavoro certosino sui suoi piccoli calciatori e i riscontri positivi si avvertono stagione dopo stagione. Il responsabile Armando Ciarrocchi cura da tempo il settore della Scuola calcio del Consalvo e parla con entusiasmo dei primi giorni dell’annata 2019-20.

Le parole di Ciarrocchi

“Avvertiamo una grande fiducia nei confronti della nostra società e la testimonianza concreta sta nel folto numero di “volti nuovi” che abbiamo nelle squadre del settore di base. Probabilmente questo ci porterà a formare doppi gruppi in tutte le categorie, probabilmente anche in quella maggiore degli Esordienti 2007. Questo entusiasmo ci responsabilizza ulteriormente e ci spinge a lavorare ancor di più per essere all’altezza delle aspettative dei nostri piccoli calciatori e delle loro famiglie”.

Nell’ottica della crescita della Scuola calcio ha influito indubbiamente anche il rapporto di affiliazione che il Consalvo ha stretto con la Spal. “Siamo al terzo anno di collaborazione con il club di Ferrara – ricorda Ciarrocchi – Anche in questa stagione ci saranno tante iniziative che ci legheranno alla società emiliana. Non siamo riusciti a organizzarci per partecipare al torneo delle affiliate che ci sarebbe stato il prossimo 22 settembre, ma sicuramente porteremo a Ferrara qualche gruppo nella kermesse di fine stagione a maggio.

Inoltre ho avuto notizia da Marco Aventi, responsabile delle affiliate Spal, che sarà presso il nostro centro sportivo tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre per vedere i ragazzi dei gruppi 2006 e 2007. Tra l’altro, alcuni elementi della nostra Scuola calcio andranno a Ferrara per essere visionati da vicino dallo staff spallino. Un’ulteriore conferma del rapporto stretto che si è creato con la società emiliana”.

In tal senso Ciarrocchi rivela anche un piccolo aneddoto. “Da laziale ho sofferto domenica scorsa per la sconfitta della mia squadra sul campo di Ferrara, ma ho mandato un messaggio ad Aventi per dirgli che era stato un k.o. “meno doloroso” per via del rapporto di amicizia che si è creato tra Consalvo e Spal”.