L’università della velocità, come sempre, premia i campioni e punisce i presuntuosi.

L’ottavo round del mondiale ha visto trionfare sull’asfalto olandese la Yamaha ufficiale di Maverick Vinales. Una vittoria che rompe un digiuno che durava da 9 gare e che sancisce, a parere di chi vi scrive, la fine dell’era Rossi con le moto di Iwata.

Come detto il successo è dello spagnolo di Figueres, bravo nel tenere a bada non solo il solito arrembante Marc Marquez ma anche l’astro nascente della MotoGp, quel diavolo francese dal nome di Fabio Quartararo.

Un terzetto che apre, anche, una nuova dimensione nella massima serie, con piloti a contendere lo scettro al numero 93 diversi da quelli ai quali siamo stati abituati negli ultimi anni.

A dire il vero Vinales già nel 2017 ha dimostrato di avere le carte in regola per spodestare il re ma la Yamaha, improvvisamente, ha preferito seguire strade diverse da quelle tracciate da Maverick.

Guarda caso, però, appena ad Iwata hanno deciso (hanno finalmente compreso che chi si lamenta della M1 non ha mai avuto il leggendario secondo nascosto nel polso destro tantomeno le divinatorie doti di collaudatore tanto decantate dai soliti agiografi urlatori) di puntare su cavalli diversi, la M1 ha ripreso a volare. Beh, c’è chi è volato fino al traguardo e chi per ghiaie, ma di questo ne parleremo dopo.

Ciò che conta è che prima Quartararo e poi Vinales hanno fatto comprendere che non basta solo lamentarsi e che, anzi, con l’impegno e il talento, si può addirittura vincere con oltre 4 secondi di vantaggio sul leader in classifica e fare bella figura con una M1 non ufficiale.

A proposito ancora non ho letto le scuse di chi ha gettato fango sulla Yamaha per coprire le mancanze del loro datore di luce, mannaggia mannaggia…

Marquez, da buon volpone, ha provato a mettere pressione al connazionale ma una volta compreso che era impossibile batterlo, ha preferito raccogliere punti pesanti in ottica mondiale. Scelta che lo ha premiato, perché il diretto inseguitore anche questa volta il podio l’ha visto dal box. In Ducati iniziano a comprendere (speriamo…) che per vincere non basta realizzare una buona moto ma occorrono i campioni veri ed un campione vero non lo fa solo un ingaggio da top rider.

Chiude il podio El Diablo: siamo di fronte ad un potenziale campione. Quartararo a soli 20 anni non solo ha fatto cambiare idea alla Yamaha ma anche con i postumi di un infortunio, ha regalato forti emozioni tra i cordoli; il futuro è suo.

Delude, non tanto chi si era illuso ma chi ha illuso, Valentino Rossi; al quarto giro, alla curva 8, cade malamente e butta giù la Honda di Takaaki Nakagami. Per fortuna nulla di grave per i 2 piloti ma la caduta di Mister 9 volte va al di là dell’evento di gara. E’ la testimonianza, l’ennesima, che è la lontana e brutta copia del campione che è stato. Non vince una gara da 2 anni, non vince un titolo da 10 anni e c’è chi ancora illude che può dire la sua. Se fossimo come certi suoi tifosi che hanno chiesto di fermare Jorge Lorenzo dopo i fatti di Barcellona, dovremmo chiedere lo stesso trattamento per l’ex dottore della Yamaha. In realtà Rossi dovrebbe fermarsi non perché è un pericolo (non lo è neanche Lorenzo) ma perché è brutto rovinare una carriera costellata di titoli in questo modo. Certo qualcuno ha vinto un mondiale a 42 anni, ma quella era un’altra storia ma soprattutto un altro talento.

L’università, come la vita, premia i campioni e punisce i presuntuosi…

 

 

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp