Dopo il weekend di Jerez, che ha visto due vittorie e una caduta di Álvaro Bautista davanti al pubblico di casa, oltre a qualche difficoltà inaspettate per il compagno di squadra Chaz Davies, il team Aruba.it Racing Ducati arriva a Misano Adriatico per il settimo round su 13 che rappresenta il giro di boa del campionato.

Con tredici vittorie all’attivo in questa stagione, Bautista continua a tenere saldamente il comando della classifica con 300 punti e un margine di 41 sul suo diretto rivale Rea su Kawasaki. Per il 34enne di Talavera de la Reina si tratta della prima gara con una SBK a Misano, ma avendoci gareggiato stabilmente in MotoGP dal 2010 conosce molto bene il tracciato adriatico.

Il compagno di squadra Chaz Davies, che nella sua lunga carriera in SBK non ha ancora trionfato a Misano, avrà un’altra occasione per cercare la sua prima affermazione in sella alla Panigale V4 R e rompere un digiuno di vittorie che dura dall’aprile dello scorso anno.

Entrambi i piloti hanno svolto due giorni di test collettivi su questa pista poco prima della gara di Jerez, ma in quella occasione le condizioni non sono state ottimali; invece per questo weekend si preannuncia un round con meteo e temperature estive.

Il Mondiale SBK torna in azione quindi sulla pista dedicata a Marco Simoncelli, dove delle 52 gare disputate finora, sono risultati vittoriosi piloti Ducati per ben 29 volte: in dieci occasioni (l’ultima nel 2011 con Carlos Checa) hanno addirittura ottenuto la ‘doppietta’.

Il team Aruba.it Racing – Ducati sarà in pista venerdì alle 10:30 CET per la prima sessione di prove libere, mentre il programma del weekend vedrà lo svolgimento di Gara 1 alle ore 14:00 del sabato, la Superpole race alle 11:00 della domenica, seguita da Gara 2 alle ore 14:00.

Álvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati #19) – 1° (300 punti)
“Peccato per la mia caduta a Jerez, ma come ho detto allora, queste sono le gare, quindi non bisogna soffermarsi più di tanto! Ora non vediamo l’ora di scendere in pista per la gara di Misano, dove abbiamo svolto un test qualche settimana fa. Anche se le condizioni non erano eccezionali, siamo riusciti a ottenere dati utili per questo weekend. Non vedo l’ora di cominciare per cercare di mantenere lo stesso feeling con la Panigale V4 R e continuare il buon lavoro fatto fino ad oggi. Misano è la seconda gara di casa per il team Aruba e la Ducati, sicuramente avremo molti fan che ci daranno il loro sostegno.”

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 8° (94 punti)
“Abbiamo fatto dei test a Misano prima della gara di Jerez, ma le condizioni erano molto diverse da quelle che si prospettano questo weekend, quindi non sarà particolarmente facile. Nonostante i risultati di Jerez, sento che abbiamo fatto un piccolo step in avanti. Alla fine abbiamo trovato qualcosa per migliorare la moto nelle curve veloci e visto che il tracciato di Misano non è molto diverso da quello di Jerez, devo essere ottimista. Prima dell’incidente ero in lotta per il podio, quindi sento che le nostre prestazioni stanno migliorando. Sto impiegando molto tempo ad entrare in sintonia con la Panigale V4 R, ma spero che da Misano in poi possiamo fare progressi.”

Il Misano World Circuit Marco Simoncelli
Insieme a circuiti come Phillip Island, Assen e Donington, il Misano World Circuit è uno dei “classici” luoghi del Campionato Mondiale SBK, dove si corre quasi ininterrottamente (con l’eccezione del 1992 e del 2013) nel corso dei decenni. La prima volta che World SBK ha corso a Misano è stato nel 1991 quando Doug Polen ha vinto entrambe le gare dalla pole sulla sua Ducati, vittorie che hanno proiettato il pilota texano verso il primo dei suoi due titoli mondiali. Il compianto Marco Simoncelli proveniva dalla vicina città di Cattolica e la regione ha prodotto alcuni dei nomi più famosi dello sport, tra cui Valentino Rossi, Andrea Dovizioso e Marco Melandri.

Record del Circuito: Sykes (Kawasaki), 1’33.640 (162,47 km/h) – 2018
Giro più veloce: Rea (Kawasaki), 1’34.720 (160,62 km/h) – 2015
Lunghezza pista: 4,226 km
Lunghezza gara: 2 x 21 giri (88,746 km), 1 x 10 giri (42,260 km)
Curve: 16 (6 a sinistra, 10 a destra)