MotoGp Mugello 2019: l’analisi del Dicos

 MotoGp Mugello 2019: l’analisi del Dicos


La tappa del Mugello della MotoGp è stata entusiasmante e positiva per i colori italiani. Al termine di una serie di duelli combattuti e da brivido, Danilo Petrucci in sella alla Ducati ha tagliato per primo il traguardo, con in scia il campione del mondo in carica. Solo terzo Desmodovi che ancora una volta quando si è trattato di fare la differenza, l’ha fatta a favore degli avversari. Buon piazzamento di Alex Rins e della Suzuki, che su un tracciato dove i cavalli del motore sono fondamentali, hanno chiuso a soli 5 decimi dal primo.

Dopo questo poker di alieni, sono arrivati gli umani: il primo è stato il giapponese  Takaaki Nakagami, distaccato di oltre 6 secondi. Sesta la prima Yamaha, quella di Vinales, mentre il vincitore dell’anno scorso, Jorge Lorenzo, ha chiuso solo tredicesimo. Per ghiaia e per terre, invece, l’ex sindaco del Mugello; per mister 9 volte il 2019 inizia ad essere un anno avaro di soddisfazioni ma ricco di figure non all’altezza del blasone. Una curiosità: uno scienziato ha avuto l’ardire di sostenere che si sia buttato a terra per evitare brutte figure al traguardo; vi rendete conto della sciocchezza? Così come sciocco è chi sostiene che la colpa sia del tecnico delle sospensioni perché non si è mai vista una caduta simile. In questa gente vedo solo cadute nella demenza acuta.

La Ducati, quindi, anche con un 9 in meno sulla carena vince. Il successo, però, non è stato tanto scontato, poiché sia la classe di Marc Marquez sia i miglioramenti della Honda, hanno messo in discussione il tutto fino a pochi millessimi dal traguardo.

Petrucci zittisce, almeno per un pò, chi asseriva che la Ducati ha sbagliato nel puntare su di lui al posto del maiorchino. Marquez continua ad allungare in classifica anche quando non vince mentre chi inizia ad alimentare le voci su un errore della Ducati nella scelta dei piloti è proprio Desmodovi.

Un conto è prenderle da un marziano un altro anche dal teammate seconda guida. Se proprio di errori si vuol parlare in quel di Borgo Panigale è nell’aver scelto lui come prima guida. Non me ne voglia il ragazzo di Forlimpopoli, ma un conto è essere un buon pilota un altro è essere un campione. I vincenti quando si tratta di dare la zampata osano anche al costo di rischiare tutto; qualcuno parla di Dovi come pilota intelligente. Premesso che in merito all’intelligenza non vedo nessuno dotato come lo spagnolo numero 93 o piloti non intelligenti, ma parliamo di gare di moto o di test attitudinali? Ciò che conta e che rende il motociclismo uno sport bellissimo è il talento; il resto sono solo chiacchiere di chi non sa più come sminuire le gesta di chi domina la MotoGp negli ultimi anni. Uno che aumenta il distacco tra se e gli inseguitori nonostante non fosse salito sul primo gradino del podio, oltre ad essere un mago vi sembra un fesso?

Rins e la Suzuki sono la piacevole sorpresa della giornata; la Suzuki è cresciuta molto così come il rider di Barcellona. Possono, specie sui circuiti guidati, essere davvero una brutta gatta da pelare. La top class, così, acquista un pretendente in più per la vittoria.

La Yamaha è davvero un mistero: tanto veloce e concreta nelle qualifiche con tempi e passi molto competitivi quanto disastrosa allo spegnimento del semaforo. Strano, perché ha tra le sue fila quello che viene urlato (a dire il vero è stato urlato…) come il miglior collaudatore vivente, il pilota che ha un secondo nascosto nel polso, l’uomo delle grandi rimonte, l’asso in grado di pescare il compromesso perfetto anche pochi istanti prima del via. Ho un’idea in merito ma preferisco evitare di renderla pubblica anche perché come avvocato non ho voglia di difendermi da chi urla che se vince è solo merito del pilota ma se perde è colpa grave ed unica della moto.

La Ducati si conferma una moto in grado di far vincere entrambi gli alfieri ufficiali.

La Honda, invece, è competitiva solo con Marc; Lorenzo ha sottolineato questo aspetto ma, a parer mio, prima di avanzare pretese dovrebbe arrivare almeno davanti ad uno sconosciuto giapponese. Certo l’adattamento ad un nuovo “cavallo” richiede tempo, ma da un campione come lui ci aspettiamo di più, molto di più. Fa bene Marquez a ricordarglielo.

Ktm e Aprilia anche questa volta hanno fatto da numero; peccato.

Una gara bella, quindi, che dimostra che anche senza il prediletto di chi detiene i diritti televisivi, si può godere; quanto abbiamo goduto? Tanto!

Altra piacevole sorpresa è stata quella relativa ai fischi. Non fraintendetemi, i fischi vanno sempre condannati ma questa volta i ragli provenienti dai soliti amanti dei manichini impiccati e delle urla dopo le scivolate di chi domina, sono stati pochi. C’è speranza ed anche questo mi fa godere…

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *