Si va verso la fine della stagione, ma i piccoli atleti dell’Asd Judo Frascati non sembrano affatto stanchi. Molto positivo il comportamento dei 32 giovanissimi judoka nella tappa finale del trofeo “Quattro Stagioni” che si è svolta Domenica scorsa presso il palazzetto dello sport di Frascati, sotto l’immutato spirito della manifestazione che ha sempre voluto coniugare cultura, sport, solidarietà e legalità. Gli atleti sono stati suddivisi in tre fasce: la verde (inesperti, hanno fatto giochi propedeutici alla lotta e scambio di tecniche), la gialla (media bravura, hanno eseguito scambio di tecniche e lotta a terra) e la rossa (esperti, sono stati arbitrati da tecnici di judo e hanno fatto combattimenti con assegnazione della vittoria).

I primi a esibirsi sono stati i nati nel 2008 e 2009 (vale a dire la classe Ragazzi) e l’Asd Judo Frascati ha ottenuto tre primi posti nella fascia rossa con Andrea Paciotti, Emanuele De Sanctis e Riccardo Capo, mentre Yerel Dori ha terminato al secondo posto. Nella fascia gialla hanno partecipato anche Filippo Maron e Leonardo Ottaviani, mentre nella verde si è esibito Marco Frulio. A seguire è toccato alla classe dei Fanciulli (nati nel 2010 e 2011): nella fascia rossa ben cinque primi posti con Edoardo De Fusco, Matteo De Angelis, Giacomo Viti, Cristian Zappalà e Filippo Agostinucci, mentre Giacomo Violetti, Marco Cusano e Mattia Moscatelli hanno chiuso secondi.

In questa classe presenti anche cinque atleti nella fascia gialla, vale a dire Matteo Munari, Emma Isabella, Matteo Rocchetti, Edoardo Teodorescu e Riccardo Cesarotti. Infine è toccato alla classe Bambini (nati tra il 2012 e il 2015) dove Rocco MuRè, unico in fascia rossa, è riuscito a vincere la sua gara. Tutti premiati con medaglie i piccoli judoka della fascia gialla Vlastimir Vuk Dimitrijevic, Gabriele Tamburrano, Pietro Ceccarelli, Marco Mastrangelo e Pietro Bruno, e della fascia verde Valerio Vitozzi, Siria Isabella, Jacopo Sulli, Raffaello Vegni, Liliana Di Croce e Giovanni Bianchi. “Siamo molto soddisfatti di come si sono comportati i bambini che si sono distinti per educazione, grinta, tenacia ed entusiasmo, mostrando un alto livello di preparazione” dicono in coro i tecnici Lorenzo Ranalli e Piera Moraci presenti alla gara.