L’Universiade in campo al San Paolo

 L’Universiade in campo al San Paolo


Uno striscione per l’Universiade allo Stadio San Paolo. I giocatori del Napoli hanno portato in campo, prima del calcio d’inizio della gara con l’Inter, ultima stagionale per il club partenopeo, un banner per dare appuntamento alla manifestazione che si terrà a Napoli e in Campania dal 3 al 14 luglio. L’iniziativa ha confermato la grande unità d’intenti che accomuna in questa fase tutte le componenti sportive ed organizzative che ruotano intorno a quello che sarà l’avvenimento sportivo più importante dell’estate italiana.

Al San Paolo sono, intanto, sempre più evidenti gli effetti del restyling anche in vista della cerimonia d’inaugurazione in programma il 3 luglio. Nella parte inferiore della curva A, ad esempio, sono comparsi anche i primi seggiolini installati nei giorni scorsi, mentre sono già stati completati i lavori per il rifacimento degli impianti audio e di illuminazione e sono in dirittura d’arrivo gli interventi sulla pista d’atletica, lavori interamente finanziati dalla Regione Campania che solo per il San Paolo ha investito una cifra di circa ventidue milioni di euro.

A rappresentare l’Universiade al San Paolo, nell’ultima gara casalinga della stagione del Napoli di Ancelotti, c’era Manuela Di Centa, componente del comitato organizzatore. “È stato un piacere essere presente in questo stadio che si appresta a cambiare radicalmente volto con una pista d’atletica in via di completamento che sarà totalmente rifatta a breve e nuovi seggiolini – ha dichiarato la pluricampionessa olimpica e mondiale – il San Paolo sarà uno dei luoghi simbolo dell’Universiade nel mondo, uno stadio che dopo i lavori di ristrutturazione sarà tempio del calcio e dell’atletica leggera e questo grazie al grande investimento sostenuto della Regione Campania”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *