“Abbiamo provato a fare gol fino all’ultimo”, ha dichiarato il tecnico giallorosso al termine del match. “Dovevamo essere più cinici, più pronti, anche più fortunati. Quando crei quattro o cinque occasioni da gol è un peccato. Però non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno lottato fino in fondo e hanno fatto una buona gara, soprattutto nel secondo tempo”.

Questi 90 minuti sono la dimostrazione che l’aspetto mentale conta? Quando la Roma ha l’atteggiamento giusto ha il potenziale per creare le occasioni. C’è rammarico per questo?

“Il rammarico è legato ai tre punti. La Roma è una buonissima squadra, ci sono anni che non vanno bene in cui si sbagliano delle occasioni chiare. Peccato”.

Negli ultimi 20 minuti la squadra ha creato tantissimo, però nei primi 60 minuti forse siete stati troppo attendisti?

“Sono d’accordo, anche a me piacerebbe pressare alto. La squadra, però, questo può dare fino in fondo. Attendiamo solo il momento giusto per usare tutte le nostre energie. Non è stata una partita facile, pressarli è difficile perché giocano a uno o due tocchi. Noi avremmo voluto spingere dall’inizio, ma bisogna dividere bene i novanta minuti”.

Ha pensato di far entrare De Rossi?

“Non l’ho pensato, perché lo voglio pronto per domenica. Deve essere la sua festa. Invito i tifosi a fare la festa a Daniele, questo merita un capitano come lui. Ora ci rimbocchiamo le maniche e ricominciamo a lavorare”.

Quando ha pensato di passare al 4-2-3-1?

“Nel secondo tempo abbiamo messo più potenziale tecnico, era una situazione da dentro o fuori. Peccato perché nel secondo tempo i cambi avevano portato i frutti sperati contro la Juventus”.

Cosa si sente di dire ai tifosi? Da dove si riparte?

“Io oggi ho preparato la partita come al solito. Ho cercato di incoraggiarli e di riportarli a un’autostima positiva. E in questo mio lavoro ci sono riuscito. La Roma riparte con ottimi giocatori”.