Una gara da gustare senza quasi respirare, questo in poche parole è stato il secondo appuntamento del campionato Moto2™ a Termas de Rio Hondo. L’appuntamento argentino, il secondo per la Moto2™ motorizzata con il tre cilindri Triumph, ha visto crollare altri record, continuando con il trend inaugurato in Qatar e dimostrando ancora una volta le incredibili performance del tre cilindri da 765 cc.

Le sessioni di qualifica sono state caratterizzate da tempi incredibilmente vicini, con i primi quattro piloti capaci, già dai primi turni, di scendere sotto il record della pista stabilito da Johann Zarco nel 2015. Ancor più significativo il fatto che i primi 22 piloti fossero racchiusi entro il secondo di distacco. L’incredibile performance si è confermata anche durante la gara. Tutti i primi 19 piloti, infatti, hanno tagliato il traguardo con un tempo di gara inferiore a quello del vincitore dello scorso anno quando la gara si è corsa in condizioni metereologiche del tutto simili. Un’ottima prestazione, sottolineata anche dall’assoluta affidabilità del tre cilindri da 765 cc.

I FATTI, IN POCHE PAROLE

  • Pole Position Nuovo Record – Xavi Vierge 1.42.726
  • Giro Record del circuito – Marcel Schrotter 1.42.693
  • Tempo di gara Lorenzo Baldassarri (vincitore 2019) – 51,5 secondi più veloce rispetto al 2018
  • Tutti i primi 19 piloti più veloci rispetto al tempo del vincitore dello scorso anno

Il vincitore del Qatar, Lorenzo Baldassarri, è partito dalla terza fila in ottava posizione, ma non ha certo perso molto tempo a battagliare nel mucchio selvaggio dell’avvio di gara riuscendo a passare sul traguardo al primo giro in quarta posizione. Non ha certo però avuto vita facile “il Balda”, visto che ha lottato per ben 19 giri in un gruppo compattissimo prima di liberarsi di Remy Gardner -autore tra l’altro anche del giro più veloce in gara-)passando in testa. Gardner ha condotto la gara con un passo prodigioso per 14 dei 23 giri in programma e anche Schrotter ha vissuto il suo momento di gloria prendendo la testa di un gruppo indiavolato dopo 5 giri. Alla fine è stato Baldassarri che ha avuto la meglio, prendendo la testa della gara e riuscendo a mantenerla per tutti gli ultimi 4 giri. Con due vittorie consecutive Baldassarri, quindi, fa il pieno di punti ed è pronto a presentarsi ad Austin in testa a quello che si sta rivelando uno dei campionati più combattuti e veloci degli ultimi tempi.

«Non potevamo chiedere di più per questi due primi due round del campionato Moto2™ motorizzato Triumph. Ancora una volta questo weekend abbiamo potuto assistere a una gara estremamente combattuta e siamo stati in grado di stabilire nuovi record nel tempo sul giro secco e sul tempo totale di gara, proprio come è accaduto in Qatar. Il fatto che ben 19 piloti siano riusciti a essere più veloci del tempo di gara del vincitore dello scorso anno, dimostra non solo la performance del nostro tre cilindri 765, ma anche la sua assoluta sfruttabilità che consente a tutti di alzare notevolmente l’asticella delle performance» ha dichiarato Steve Sargent, -Triumph Chief Product Officer-.

Oltre 140 cavalli e un sound viscerale che scuote le tribune. Il motore tre cilindri 765 Moto2™ nasce dal tre cilindri 765 cc della Street Triple RS, uno dei motori stradali più evoluti attualmente sul mercato. Un motore nato per la strada ma affamato di cordoli.

Il prossimo appuntamento con la Moto2™ Triumph sarà per il weekend del 14 aprile in Texas, negli USA per il Grand Prix of the Americas. In quel fine settimana il Triple Moto2™ tornerà a far sentire la sua voce roca, pronto a abbattere nuovi record.