MotoGp Argentina: Rossi vince dietro a Marquez





Il tango argentino della MotoGp è suonato dal maestro Marc Marquez. La sinfonia dello spagnolo campione del mondo è di quelle che nulla lasciano agli avversari. Ad un certo punto il distacco tra se e gli altri si è misurato in clessidre e solo per evitare figuracce agli inseguitori, è passato dalla modalità iperspazio a quella alieno.

 

Suvvia cosa sono 10 secondi? Giusto il distacco del primo umano al traguardo, il quarantenne Mister 9 volte, autore di una gara maiuscola. Che Valentino Rossi amasse l’Argentina si sapeva, ma che fosse addirittura più veloce dell’umile Ducati del Dovi, qualche dubbio c’era. L’italiano della Yamaha è stato bravo a crederci ed a lottare fino alla fine; la M1, in fondo, è una signora moto. Chi dice il contrario scivola in eccesso di “slinguismo” che fa solo male al dottore.

 




Terza, come detto, l’umile Ducati del Dovi. Dopo aver avuto ragione sull’utilizzo del tanto contestato cucchiaio, la squadra di Borgo Panigale a trazione Audi, è giunta in Argentina con toni bassi, quasi da monaci benedettini in ritiro in un monastero di francescani. “Imbrogliavamo? Ora batteteci in pista”, così pacatamente e pacificamente l’amministratore delegato Claudio Domenicali ha commentato la sentenza favorevole. Sarà che avranno, forse, montato il cucchiaio al contrario, ma la desmorossa nella trasferta sudamericana ha avuto un “paliatone” di quelli clamorosi. Non tanto per i distacchi patiti al traguardo, ma per lo stile del successo. Dispiace dirlo, ma come bisogna saper perdere occorre anche saper vincere. In fondo cosa ha vinto la Ducati nella MotoGp, specie in confronto alla Honda?

 

Honda che, ancora una volta, è stata maestra in pista e fuori.

 

Parliamo dei tempi: l’anno scorso Cal Crutchlow vinse con il tempo di 40’36’’; quest’anno il primo è arrivato alla bandiera a scacchi con il tempo di 41’43’’; mi spiegate a cosa servono alette, cucchiai e dischi rotanti se, poi, alla fine si gira più lenti? Inoltre, mi dite la Michelin che sviluppo porta in pista? La MotoGp non dovrebbe essere la massima espressione tecnologica dove il dio Crono dovrebbe essere sconfitto dalle gesta degli umani armati di polso e moto? Sembra, invece, più un palcoscenico di un teatro di periferia, dove per non far scappare il pubblico, si cerca di mantenere in vita anche gli zombie.

 

In fondo il sorriso di Carmelo Ezpeleta nel dopo gara è emblematico; sul podio ci sono gli attori giusti al posto giusto e nel momento giusto.

 

Il titolo provocatorio nasce non tanto perché è il primo di aprile ma per come viene urlata e commentata la gara dai soliti adulatori a senso unico. Adulatori che, questa volta, vanno compresi perchè hanno avuto modo di sfogare il proprio amore incondizionato dopo mesi di astinenza. Adulatori che, ancora una volta, fingono, seppur dolorosamente, che la corsa, quella vera, l’ha stravinta Marquez.

 

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5201 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*