Di Francesco: “Questa mancanza di continuità mi fa impazzire”

 Di Francesco: “Questa mancanza di continuità mi fa impazzire”


Per i giallorossi doppietta di Dzeko e rete di El Shaarawy, per gli uomini di Gasperini a segno Castagne, Toloi e Zapata.

Questa Roma sembrava aver fatto il salto di qualità, invece oggi si è vista una squadra dai due volti. Cosa è successo?

“Bella domanda. Nel primo tempo la squadra ha messo in pratica tutto quello che avevamo preparato: sapevamo della loro propensione ad attaccare in tanti e di restare dietro con l’uno contro uno e per questo abbiamo scelto di andare molto in verticale. Del secondo tempo non me ne capacito, perché non è la prima volta che ci accade. È una questione di caratteristiche mentali della squadra. Dobbiamo ancora lavorare questo punto di vista. Oggi c’è la dimostrazione che la squadra non è guarita totalmente. Grande merito all’Atalanta, ma se sei in vantaggio di 3-0 non devi mai arrivare al 3-3”

È la gestione del risultato che manca a questo gruppo?

“Non dobbiamo metterci sotto la traversa e guardare gli altri. L’aggressività del primo tempo nelle uscite e nelle ripartenze veloci c’è stata. Però abbiamo perso troppi duelli individuali e palloni nella ripresa e se fai questo una squadra come la loro ti uccide. Non siamo stati continui. Merito all’Atalanta, ma tanti demeriti , anche a noi. Il gol a fine primo tempo è stato un’ingenuità, perché ha ridato fiducia e forza a una squadra che fino a quel momento era in difficoltà”.

Gli attaccanti nella ripresa non sono stati più in partita, cosa è successo?

“Non dipende solo da loro, è un discorso generale. Se hai una squadra brava nei duelli come la loro, non puoi non essere pulito nel palleggio. In certe occasioni non siamo stati in grado di addormentate la partita quando serviva. Ho dovuto anche rafforzate la linea difensiva a un certo punto, perché loro arrivavano troppo facilmente al cross. Quello che mi fa impazzire è che ci manca la continuità, come è successo a Cagliari, come domenica contro il Torino e in tante altre occasioni in cui ci siamo fatti recuperare. Non puoi far sempre bene un tempo e poi alle prime difficoltà dare il pallino del gioco agli avversari”.

L’aspetto fisico è da escludere a prescindere in questo calo? Avresti dovuto fare forse altri cambi?

“Nel primo tempo ci siamo stati, nella gara di 90 minuti no. Avevamo giocatori in difficoltà che venivano da infortuni. Ho messo dentro Zaniolo come esterno, che lì ha fatto benissimo. Ci ha dato gamba e duttilità in questa zona. Non mi fossilizzerei sui cambi. Siamo usciti dalla partita con troppi elementi e abbiamo subito”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *