Poteva rientrare addirittura sul podio del girone, ma ha mancato un’occasione importante. La Roma VIII calcio ha ceduto 2-1 sul campo della Dinamo Labico nel primo match del 2019 e in casa capitolina è rimasto sicuramente un po’ di rammarico. «L’avevamo preparata anche con intensità e concentrazione durante la settimana – racconta l’attaccante classe 1988 Alessio Romozzi – Poi, però, evidentemente abbiamo sbagliato l’approccio e siamo andati sotto di due reti nella prima mezzora. Abbiamo provato a reagire riaprendo la gara a inizio ripresa e insistendo alla ricerca del pareggio che però non è arrivato.

Un peccato perché un successo ci avrebbe consentito di agganciare il terzo posto e di riproporci nelle zone altissime della classifica del girone, ma ci sono ancora tante partite da giocare e la situazione è molto equilibrata. Basta pochissimo per ritrovarsi magari da una zona play out alle prime posizioni». Il Valle Martella sembra l’unica squadra ad aver preso un piccolo di margine di vantaggio. «Li ho affrontati nel giorno del “nuovo” esordio con la Roma VIII – racconta Romozzi – Sono sicuramente una squadra con dei valori, ma in questo girone non vedo compagini in grado di ammazzare il campionato».

La Roma VIII ha riportato a casa a dicembre anche Dantimi, oltre allo stesso Romozzi: due pezzi da novanta dell’organico che l’anno scorso aveva meritato il salto in Promozione sul campo… «Per quanto riguarda la mia situazione, è stato abbastanza semplice trovare quell’accordo che in estate non c’era stato. Ho ritrovato un gruppo abbastanza diverso, almeno nell’ossatura principale, ma comunque valido e in grado di giocarsi le sue carte per le posizioni di testa». Nel prossimo turno la Roma VIII giocherà di nuovo in trasferta, stavolta contro il Torpignattara.

«E’ un’altra squadra al momento invischiata nella zona play out, ma come detto settimanalmente questo girone propone nuovi equilibri. Avremo qualche assenza importante, ma dobbiamo cercare di muovere la classifica. Il pareggio? In questo momento serve vincere» conclude Romozzi.