Di Francesco: “La miglior prestazione della stagione”

 Di Francesco: “La miglior prestazione della stagione”


Ecco le dichiarazioni di Eusebio Di Francesco al termine del match:

Oggi si sono visti gli atteggiamenti giusti a livello offensivo?

“Forse a livello tecnico quella di stasera è stata la miglior prestazione della stagione. Siamo sulla strada giusta, ho rivisto tante cose interessanti. Soprattutto nella capacità di attaccare la profondità lì davanti e di mantenere la linea alta. Questi sono aspetti che avevamo preparato bene nella gara e che abbiamo interpretato al meglio. Peccato per il gol nel finale, ma per il resto sono soddisfatto della prova dei ragazzi”.

Ora arriva una partita molto importante contro il Parma.

“È una squadra difficilissima da affrontare, magari non fa tanto possesso palla ma verticalizza subito sugli gli attaccanti e si difende molto bassa. Non sarà una partita facile, sarà completamente differente da questa contro il Sassuolo”.

In pochi giorni la squadra si è liberata a livello mentale?

“Ci sono dei valori in questa squadra. Ovviamente è importante recuperare dei giocatori e rimetterli in campo, alcuni stanno riacquisendo un po’ di condizione. Parlo di Diego Perotti, un calciatore che ci è mancato tantissimo e con lui, in tante partite ravvicinate, ho più scelte. Dopo il secondo tempo di Torino una risposta come questa è stata importante”.

Chiudere l’anno con la vittoria è la cosa più importante, ora.

“Non sarà facile, ve lo assicuro. Il Sassuolo, per come giochiamo noi, ti permette di giocare a viso aperto. Abbiamo fatto bene e oggi e dobbiamo riportare questo entusiasmo a Parma: la voglia di far la partita, la voglia di attaccare la profondità e recuperare palla immediatamente, assieme a una grande attenzione difensiva”.

Il recupero di diverse pedine è importante per la stagione.

“È fondamentale. Non deve essere un alibi, ma in tante occasioni gli attaccanti importanti sono fondamentali per gli equilibri di una squadra. Io mi auguro, dalla prossima partita o dall’anno nuovo, di avere più calciatori a disposizione per poter scegliere”.

Come giudica la prova di Schick? Tutti lo davano in panchina oggi.

“Lui sapeva di giocare. Siccome Edin viene da un lungo infortunio non aveva la condizione per fare una gara intera. Patrik oggi ha cercato la porta con continuità, è stato molto attento e applicato in base alle mie richieste”.

Perotti ha riportato l’attacco della profondità?

“È uno di quei giocatori che ha l’uno contro uno, cosa fondamentale nel calcio. Una squadra importante, contro avversari chiusi, ha bisogno di calciatori così. Ci è mancato tantissimo. La fortuna è che sta ritrovando la migliore condizione”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *