Il sole è calato sul Circuito de Jerez Angel Nieto per il secondo dei due giorni di test in Andalusia, dove le squadre del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike hanno continuato a lavorare sui setting del 2019. Gli otto piloti hanno completato più di 600 giri sui 4,2 chilometri di circuito e sono stati fatti passi avanti per quella che si preannuncia una stagione sensazionale con nuove moto, nuove squadre e nuovi piloti. Nonostante ciò, è stato il Campione del Mondo in carica Jonathan Rea (Kawasaki Racing team WorldSBK) a comandare.

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) ha proseguito con il suo ritmo in pista durante il secondo ed ultimo giorno di test. Il campione in carica ha continuato a lavorare sul telaio insieme al nuovo motore della ZX-10RR. Questa moto è più potente rispetto alla Ninja 2018 e ha fatto segnare il giro più veloce in 1.38.713. dall’altra parte del box, il compagno di squadra Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK) è rimasto con una moto dopo la caduta di lunedì. Questo però non l’ha fermato e nel secondo giorno è arrivato a completare più di 100 giri. Terzo in 1.39.766 a fine giornata, Haslam ha continuato sul setting di base della ZX-10RR e si preparerà ancora durante l’inverno.

Per il team Pata Yamaha Official WorldSBK è stata una giornata produttiva, hanno iniziato a capire la strada da intraprendere per ridurre il distacco da Kawasaki e Ducati. A lavoro su piccoli aggiornamenti in vista del 2019, Alex Lowes è stato in seconda posizione per gran parte della giornata, provandosi ad avvicinare a Rea. Per il compagno di squadra Michael van der Mark è stato un test difficile perché è salito in moto ancora convalescente dopo la caduta in Qatar che gli ha procurato la frattura del polso. A lavoro su un grip maggiore in uscita di curva ed in accelerazione tra le altre cose, Lowes ha chiuso con il secondo tempo a 664 millesimi da Rea, mentre van der Mark è sesto a 1.379 secondi.

La squadra Aruba.it Racing – Ducati continua ad imparare con Chaz Davies e Alvaro Bautista, che proseguono la conoscenza della nuova Panigale V4 R. Il britannico ha avuto difficoltà anche oggi a causa della spalla infortunata durante la pausa estiva, quindi non guida al 100%. Si è concentrato sull’elettronica e sull’accelerazione della nuova moto, chiudendo la giornata in quinta posizione.

Bautista ha incontrato più difficoltà nel secondo giorno con la V4 R, è caduto due volte, senza conseguenze. Lo spagnolo è contento della moto e lavora sul setting di base, iniziando a comprendere la moto WorldSBK. Autore di un ritmo incredibile al debutto, Bautista è riuscito a chiudere con il quarto tempo in 1.39.845.

In pista anche il nuovo team WorldSBK GRT Yamaha, Sandro Cortese e Marco Melandri hanno proseguito il lavoro con la YZF-R1. Contento dei progressi fatti, il Campione WorldSSP 2018 Sandro Cortese si sta ancora adattando alla SBK®, mentre Melandri ha lavorato sul setting di base con le gomme Pirelli.

Anche alcuni piloti WorldSSP erano al Circuito de Jerez Angel Nieto per l’ultima giornata di azione e sono stati autori di tempi interessanti. Raffaele De Rosa è sceso in pista per MV Agusta Reparto Corse in cerca di quel passo in avanti che potrà portarlo alla vittoria a cui è arrivato tanto vicino nel 2018. Lucas Mahias ha girato nuovamente con Kawasaki Puccetti Racing abituandosi alla moto dopo una caduta di ieri. È tornato in pista anche Hikari Okubo (Kawasaki Puccetti Racing) con la ZX-6R, a lavoro su aggiornamenti.