Anche sul tracciato del Burinam Marc Marquez continua a fare la differenza ed a vincere. Lo spagnolo campione del mondo in carica, infatti, ha piegato la velocità della Ducati e la grinta di Andrea Dovizioso. Lo ha fatto, poi, in quello che era, nelle sfide con il Dovi, per lui un tabù ossia la staccata all’ultima curva. Insomma un successo che dimostra ancora una volta che il migliore della MotoGp è lui.

La Honda sembra, grazie ad un’accelerazione impressionante, aver recuperato il gap motoristico con la Ducati, anche se le rosse sembrano ancora un pizzico più veloci. C’è la sensazione che se ci fosse stato Jorge Lorenzo al posto del Dovi, forse il risultato sarebbe stato a favore della moto tricolore; con i se e con i ma, però, non si va da nessuna parte.
Quello che è certo è che la Ducati e la Honda sono ancora le sole a potersi giocare la vittoria, con le Yamaha, seppur parzialmente ritrovata, ancora lontana per dire la propria.
Non lasciamoci ingannare dal ritmo dettato per molte tornate della prima fase di gara da Valentino Rossi; era evidente che Marc e Andrea stessero amministrando.

Ecco, amministrare; ma cosa? L’usura delle gomme, perché se un pilota spinge un pizzico in più, il traguardo non lo vede in condizioni ottimali, anzi…Si tratta, tra l’altro, di gestire l’usura sin dalle prime battute e questo si ripercuote, inevitabilmente, sul cronometro e sullo spettacolo.
Certo, qualche volta gli ultimi passaggi sono conditi da sorpassi al cardiopalma, ma la sensazione è che fino a quel momento i piloti abbiano corso con il freno a mano tirato.

Che sport è quello, dove gli pneumatici, in particolare la scelta del mono fornitore, condizionano pesantemente non solo la competitività delle moto ma anche la condotta dei piloti una volta spento il semaforo?
Mi piacerebbe, invece, una MotoGp dove le case costruttrici scendano in pista con poche diavolerie a disposizione, senza limitazione di carburante, con cilindrata dimezzata e con un’ampia possibilità di scelta tra i fornitori di pneumatici. Il monopolio mi sa tanto, forse esagero, di truffa (per lo spettacolo, cosa avete capito?…).

Così facendo, a mio avviso, non solo i piloti sarebbero più tentati dallo spalancare il gas sin da subito, ma i costi calerebbero di non poco. Nei monopoli, è noto, mancando la concorrenza, il prezzo e la qualità la fanno i monopolisti.
A buon intenditore poche parole…

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp.