MotoGp Sachsenring 2018: la pagella del Dicos

 MotoGp Sachsenring 2018: la pagella del Dicos


MARC MARQUEZ 10 e lode: Ancora un fine settimana perfetto per il campione del mondo in carica. Gli aggettivi positivi, oramai, per lui sono insufficienti ed in Germania suona la nona sinfonia. Il mondiale prende ancor di più la direzione del suo box. Superlativo!

 

VALENTINO ROSSI 9: E’ il primo dei piloti di Iwata al traguardo ed è il primo a chiedere interventi alla casa madre. Se, nel frattempo, iniziasse proprio lui a fare la differenza, magari la vittoria non sarebbe così lontana. Ottimo e abbondante!

 

MAVERICK VINALES 8: Solita gara dello spagnolo che parte in sordina e conclude arrembante. Ancora una volta le prende dal compagno di squadra ma è ancora una volta sul podio. Discreto!

 

DANILO PETRUCCI 8,5: Sfiora il podio ma è il primo desmo rider alla bandiera a scacchi. Agrodolce!

 

ALVARO BAUTISTA 8,5: Nonostante la sua Ducati non è proprio la migliore, fa meglio degli ufficiali. Tanta roba!

 

JORGE LORENZO 6: Inizia alla grande ma termina maluccio. A tradirlo sono state le gomme; resta da capire se solo queste…Piccola delusione!

 

ANDREA DOVIZIOSO 4,5: Da quando è diventato la prima guida del 2019, sembra essersi smarrito. Altra gara opaca per quello che sarà l’uomo di punta della Ducati. Grande delusione!

 

HONDA: La migliore solo con il migliore.

 

YAMAHA: Migliora anche senza il migliore.

 

DUCATI: Private buone, ufficiali meno.

 

KTM, SUZUKI E APRILIA: Questa volta buonissime per fare numero.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *