Quando una gara diventa interessante solo perché Dovizioso, Iannone e Zarco scivolano, vuol dire che molto non funziona. Il round francese della MotoGp, ha visto primeggiare Marquez davanti agli italiani Petrucci e Rossi. Il tutto condito da una noia che ha messo a dura prova le palpebre di chi ha visto alla tv la gara.

 

Il problema non è tanto nello strapotere di Marquez che ha giocato ed umiliato gli avversari; per lui terza vittoria di seguito dopo 5 gare e 36 punti di vantaggio sul primo inseguitore, quel Vinales in perenne conflitto con la propria M1.

 

La noia non risiede solo sul fatto che Rossi festeggia un terzo posto ed in classifica è solo quarto. Chi pensa che sia colpa di chi ha appena firmato un contratto da top player ma continua a commettere errori da principiante sbaglia. Così come sbaglia chi crede che per ravvivare lo spettacolo, sia sufficiente offrire 12 milioni di ingaggio per poi vedere questo pilota in classifica con soli 16 punti, dietro anche alle Ducati private. Secondo voi solleticano più le gesta di un pilota, tra una lampada ed un’iniezione di botulino, tra i cordoli o tra le lenzuola?

La colpa non è solo di Ktm ed Aprilia che fanno solo numero.

La MotoGp è diventata una sorta di circo, brutto non solo quando si guardano i teloni ma anche quando si scopre lo spettacolo trasmesso sotto.

Hai voglia di urlare: se per fare audience si devono montare ad arte delle antipatie tra i piloti o occorre demonizzare chi vince solo perché non è quello che piace, significa che, al di là della poca professionalità di alcuni giornalisti, ciò che fanno i piloti (sempre con il massimo rispetto perché rischiano la vita) non è in grado di catalizzare l’attenzione per oltre 5 minuti.

Dov’è, allora, il problema? A mio avviso la noia risiede nel regolamento.

Centralina unica, gomme uguali (sulla carta), mortificazione di chi cerca nuove vie (vedi ali Ducati); insomma la noia imperante nasce nell’appiattimento tecnico che con la scusa di abbattere i costi, li ha fatti lievitare insieme ai principi di sonno tra una curva e l’altra.

Fin quando non sarà permesso alle case di scegliere liberamente come evolvere il proprio modello (lo sviluppo oggi dipende esclusivamente dallo pneumatico messo a disposizione dalla Michelin), su quale costruttore di gomme affidarsi, su che tipo di aerodinamica adottare e su quale gestore di elettronica affidarsi, i risultati saranno sempre questi.

E’ l’appiattimento regolamentare, a mio avviso, a castrare quella che dovrebbe essere la massima espressione tecnologica applicata alle due ruote ed invece è solo mero business. Lo sport dov’è?