Tutto come da pronostico o quasi. Le Ducati fanno il passo nel venerdì di libere austriache e, dopo il primato della mattina di Hector Barbera su DesmosediciGP satellite del team Reale Avintia Racing, nel pomeriggio è il turno di Andrea Dovizioso (Ducati Team) che impone il suo passo in classifica combinata. Tengono le Yamaha e le Honda.

Sulla seconda sessione di libere della classe regina splende un pallido sole che, dopo la pioggia della mattinata e del primo pomeriggio, ha l’effetto di rendere la pista ottimale per un abbassamento dei tempi. Ma i crono scenderanno solo negli ultimi passaggi con il numero 4 che chiude il giro più veloce della giornata in 1:24.046s.

A migliorarsi, verso la fine, è anche Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP) che nei giri conclusivi è impegnato in un bel duello con Dovizioso per il primato della giornata. È secondo, pagando un ritardo di 0,23s dal forlivese.

Ma è Marquez che si pone al comando della tabella crono da subito e, fino agli ultimi passaggi, è l’unico ad abbassare i tempi della mattinata. Poi è protagonista di un fuori pista che complica la sua FP2 e gli fa segnare il settimo tempo. Più competitivo il collega di team Repsol Honda: Dani Pedrosa chiude la sessione al terzo posto con un ritardo di 0,428s dall’uomo Ducati dopo essere stato in testa per alcuni giri.

Quarto Johann Zarco (Monster Yamaha Tech 3) e quinto Jorge Lorenzo (Ducati Team). Il maiorchino, così come Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing), ha girato con la innovativa carena aerodinamica e paga un ritardo di 0,570s dal compagno di squadra. Barbera chiude il gruppo dei sei mentre il ternano è distante dai più veloci.

Lontano dalle prime posizioni Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP). Il Dottore è staccato di oltre 0,8s dal battistrada e termina la FP2 fuori dalla top 10. Così Andrea Iannone (Team Suzuki Ecstar) che a meno nove minuti dalla fine aveva anche messo la sua GSX-RR al terzo posto prima di perde terreno.

La miglior Aprilia è quella di Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini), nono.

Il team Red Bull KTM Factory, al proprio GP di casa mette in pista tre moto con Pol Espargaro dodicesimo del venerdì.

Fonte: motogp.com