MotoGp, Rio Hondo 2017: la pagella del Dicos

 MotoGp, Rio Hondo 2017: la pagella del Dicos


MAVERICK VINALES 10: Nelle qualifiche non è il più veloce ma lo diventa quando conta. Bravissimo nel non commettere errori, inizia a fare la differenza quando mancano 16 tornate all’arrivo. Stampa uno dopo l’altro giri pazzeschi, con una guida tanto efficace quanto bella. Dopo 2 prove è già in fuga per la vittoria. Fenomeno!

 

VALENTINO ROSSI 9: Festeggia il trecentocinquantesimo gran premio con la piazza d’onore. In gara va così forte che gira agevolmente in tempi registrati pochissime volte prima. D’altronde c’è chi ha recitato, con toni amorevoli, la supplica “L’avreste”. “L’avreste detto il venerdì? L’avreste detto il sabato? L’avreste detto stamattina?”. Ecco, l’avreste mai pensato che in tutto il globo, solo lui e pochi altri (non mi vengono in mente ora i nomi, però, giuro, rimedierò) sono in grado di girare allo spegnimento del semaforo più veloci rispetto alle prove ed alle qualifiche? Chi l’avrebbe mai detto? Eppure c’è. Ottimo e abbondante!

 

CAL CRUTCHLOW 9,5: Con una moto privata (nelle versioni ufficiali è andata per ghiaia) coglie la terza piazza. Cuore, grinta, coraggio e capacità, insomma il solito!

 

ALVARO BAUTISTA 8,5: Primo ducatista al traguardo, a soli 6 secondi e mezzo dal vincitore e 3 dal podio. Chapeau!

 

JORGE LORENZO 3: Anche questo fine settimana per il maiorchino è iniziato male e finito peggio. Smarrito!

 

MARC MARQUEZ 4: Commette un errore quando era in testa. Certo la sua moto non è all’altezza delle rivali e si vede. Quando, però, il livello è così alto, bisogna anche saper aspettare i momenti migliori. A sua parziale discolpa c’è la voglia di voler mettere il proprio sigillo alle gare, tipico dei vincenti. Alla storia, in fondo, passano solo quelli che vincono. Rimandato!

 

ANDREA DESMODOVI: Sfortunato è dir poco…..

 

YAMAHA: La migliore.

HONDA: In peggioramento.

DUCATI: Quelle ufficiali smarrite; urge viaggio a Pompei.

APRILIA: Sfortunata.

SUZUKI: Geniali nell’aver sostituito Vinales con Iannone.

KTM: Punticini piccolini che fanno tanto, ma tanto morale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *