“Non sarà una passeggiata la gara di questa sera. I biancocelesti dovranno giocare con la testa, sarà un fattore determinante; tatticamente, però, questa è la partita delle partite e, la squadra di Inzaghi, dovrà sbagliare il meno possibile. Non so se la Roma giocherà con lo stesso modulo dell’andata, ma Nainggolan potrebbe giocare alle spalle di Dzeko per esser svincolato dalle marcature biancocelesti. La Lazio dovrà fare la differenza in mezzo al campo, il giocatore più importante sarà Biglia: dovrà interpretare ed anticipare gli avversari. La squadra giallorossa può giocare sugli inserimenti di Nainggolan e sugli appoggi di Dzeko; l’argentino dovrà intercettare la manovra degli uomini di Spalletti.

Parolo è insostituibile. Lulic ha ottimi inserimenti, ma è meno attento tatticamente alla fase difensiva. Murgia potrebbe essere impiegato nello stesso ruolo del centrocampista di Gallarate: sa interpretare entrambe le fasi di gioco ed è più propenso alla costruzione di gioco rispetto al bosniaco. Quando si vince è sempre meglio: la vittoria in campionato porta certezze, anche se la prestazione del Mapei Stadium non è stata delle migliori. La Lazio non può scendere in campo deconcentrata o al di sotto delle proprie possibilità. Se sabato i biancocelesti avessero affrontato una grande squadra, probabilmente gli uomini di Inzaghi non avrebbero recuperato la partita.

Il derby non si prepara, il tecnico non deve caricare i giocatori in vista di una stracittadina. Quest’ultima viene caricata dall’atmosfera, dalla città e dai tifosi. La squadra a Reggio Emilia era già proiettata alla sfida di Tim Cup di quest’oggi. Inzaghi ha già pensato alla gara di Napoli portando i suoi uomini alla vittoria al Mapei Stadium: ora la Lazio affronterà la formazione partenopea a soli tre punti di distanza da quest’ultima.

Felipe Anderson è un giocatore che a me piace tanto. Può diventare un top player e, partite come il derby, lo aiutano a diventare tale. La Lazio stasera non deve partire dal vantaggio maturato nella gara d’andata, i biancocelesti dovranno aspettare gli avversari sulla metà campo per ripartire in contropiede come se si giocasse in una condizione di parità”.