Pareggio tra Napoli e Juventus

 Pareggio tra Napoli e Juventus


Termina in parità il primo dei due round in pochi giorni tra Napoli e Juventus. La gara è equilibrata, poco divertente, ma decisamente combattuta: i padroni di casa costruiscono di più, ma sbattono più volte contro il muro eretto dai bianconeri, subito in vantaggio con il gol di Khedira e forse fin troppo impegnati a difenderlo, fino alla rete dell’1-1- di Hamsik che, al quarto d’ora della ripresa, premia gli sforzi della squadra di Sarri.

La Juve parte senza Dybala e Cuadrado,  piazzando Lemina e Pjanic al fianco di Mandzukic e alle spalle di Higuain. Anche con interpreti diversi però, almeno all’inizio, non cambiano la qualità, né l’efficacia delle giocate, tanto che dopo appena 7′ minuti i bianconeri passano con una straordinaria percussione di Khedira, che prende palla sulla tre quarti, triangola con Pjanic e conclude di prima intenzione superando Rafael.

Il Napoli reagisce subito, alzando il baricentro e aumentando la pressione, ma la Juve contiene e appena può riparte. Non si devono commettere leggerezze però e quando Chiellini sbaglia al 21′, Hamsik si trova il pallone buono sul destro e per fortuna di Buffon sbaglia la mira. Lo slovacco ha una seconda occasione alla mezz’ora e anche questa volta il suo tiro in corsa termina a lato, mentre il sinistro di Mertens, pochi minuti dopo, è centrale e Buffon non ha problemi a bloccare.

È il Napoli a fare la gara, con un pressing alto che complica la manovra dei bianconeri e con un’intensità encomiabile. Insigne è l’uomo chiave dei padroni di casa: ogni azione passa dai suoi piedi, sia che si tratti di impostare, che di concludere. Il suo destro a cinque minuti dal riposo è fuori misura ed è anche l’ultima emozione del primo tempo.

Anche la prima della ripresa nasce dai piedi del fantasista napoletano, con un destro a giro fuori di poco, ma il pareggio passa dai piedi di Hamsik che al 15′ viene liberato in area da Mertens e piazza il pallone sotto l’incrocio. Allegri cambia Lemina con Cuadrado e la Juve prova a scuotersi, ma è ancora il Napoli ad andare vicinissimo al gol con Mertens che approfitta di un retropassaggio corto di Asamoah, anticipa Buffon e conclude poi sul palo, da posizione molto defilata.

I bianconeri ora sono più aggressivi rispetto a quando il punteggio era loro favorevole e nel finale Allegri manda in campo Dybala e Rincon al posto di Marchisio e Pjanic, ma la stanchezza e il ritmo più basso degli ultimi minuti sono l’unico aspetto da sottolineare. Finisce 1-1, senza altre emozioni. Mercoledì, nella semifinale di ritorno di Coppa Italia è facile immaginare che ce ne saranno ben di più.

NAPOLI-JUVENTUS 1-1

RETI:  Khedira 7′ pt, Hamsik 15′ st

NAPOLI
Rafael; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Strinic (34′ st Ghoulam); Allan (23′ st Zielinski), Jorginho, Hamsik (31′ st Rog); Callejon, Mertens, Insigne
A disposizione: Reina, Sepe, Chiriches, Maggio, Maksimovic, Giaccherini, Diawara, Milik, Pavoletti
Allenatore: Sarri

JUVENTUS

Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Asamoah; Marchisio (35′ st Dybala), Khedira; Lemina (16′ st Cuadrado), Pjanic (42′ st Rincon), Mandzukic; Higuain
A disposizione: Neto, Audero, Dani Alves, Rugani, Benatia, Barzagli, Alex Sandro, Sturaro, Mandragora
Allenatore: Allegri

ARBITRO: Orsato
ASSISITENTI: Di Fiore, Manganelli
QUARTO UFFICIALE: Cariolato
ARBITRI D’AREA: Rocchi, Damato

AMMONITI: 37′ pt Insigne

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *