Mondiale SBK: Silverstone, gara 1, torna alla vittoria Johnny Rea

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Johnny Rea - SBK - Silverstone 2013 - Gara 1
Johnny Rea – SBK – Silverstone 2013 – Gara 1

Una gara 1 emozionante sul circuito di Silverstone, con una bagarre iniziata all’inizio del primo giro e finita sotto la bandiera a scacchi, ed un meteo davvero incerto che ha livellato le forze in campo regalando spettacolo vero ai tanti appassionati accorsi per vedere i loro idoli. La spunta dopo 17 giri, uno in meno a causa del doppio giro di warm up, Johnny Rea, Pata Honda World Superbike, che quando è in giornata e con certe condizioni meteo non ha davvero rivali,  portando ai massimi livelli una CBR 1000RR più semplice delle concorrenti ma tanto efficace nelle mani giuste.
Il pilota nord irlandese torna alla vittoria dopo circa un anno dimostrando il grande feeling dei piloti anglosassoni con le piste umide e scivolose, e lo dimostra il podio tutto “british” con Eugene Laverty, Aprilia Racing Team, autore della pole, che si mette alle spalle un inaspettato Leon Camier, che porta la Suzuki gestita dal Team Fixi Crescent alla conquista del podio dopo le ottime performance fatte vedere in qualifica.
In quarta posizione il leader di campionato Sylvain Guintoli, Aprilia Racing Team, autore di una gara intelligente grazie anche alla debacle di Tom Sykes, Kawasaki Racing Team, soltanto 11esimo autore di una prestazione davvero incolore e carica di nervosismo che ha relegato il pilota inglese a posizioni di rincalzo.
Buona prova di Loris Baz, Kawasaki Racing Team, che dopo una partenza al fulmicotone seguendo come un’ombra Johnny Rea, accumula un vantaggio di oltre sei secondi che purtroppo non riesce a gestire nel mondo giusto facendosi riprendere dal gruppo degli inseguitori.
Nella top ten Jules Cluzel, sesto,  dimostrando l’ottimo feeling delle Suzuki sul tracciato inglese, davanti ad un buon Leon Haslam, Pata Honda World Superbike, settimo, che mette una marcia in più al comparire delle prime gocce di pioggia, Ayrton Badovini, Team Alstare Ducati, ottavo, di nuovo davanti al suo capitano Carlos Checa, soltanto 13esimo, regolando la coppia BMW Motorrad Team Goldbet formata da Marco Melandri, nono, in diffioltà con una S1000RR poco domabile e il compagno Chaz Davies che dopo un buon inizio di gara è costretto a mollare il gas finendo decimo e  chiudendo la top ten.
In attesa della seconda manche con un Tom Sykes costretto ad una gara d’attacco per non perdere punti in campionato rispetto ad un Sylvain Guintoli non ancora in una perfetta forma fisica ma molto più concreto e determinato.

 

Classifica Gara 1 SBK, Silverstone 2013

01- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – 17 giri in 37’16.058
02- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 3.073
03- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.480
04- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 3.608
05- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 4.140
06- Jules Cluzel – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 5.659
07- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 6.443
08- Ayrton Badovini – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 10.544
09- Marco Melandri – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 14.017
10- Chaz Davies – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 14.167
11- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 14.180
12- Max Neukirchner – MR Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 26.536
13- Carlos Checa – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 43.561
14- Michel Fabrizio – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 46.373
15- Mark Aitchison – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 1’33.624
16- Federico Sandi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro
17- Vittorio Iannuzzo – Grillini Dentalmatic SBK – BMW S1000RR – a 2 giri

 

 

Emanuele Bompadre
Poco meglio è andata a Marco Melandri, nono e preceduto anche dalla Ducati 1199 Panigale R di Ayrton Badovini (a tratti il più veloce in pista), scontando ora ben 38 punti di svantaggio in campionato, avvicinato a -4 da Laverty. Si complica la corsa al titolo iridato per il ravennate vincitore per una manciata di centesimi della volata per la nona piazza con il proprio compagno di squadra Chaz Davies, risultato importante invece per Loris Baz, quinto ed in testa prima di subire il sorpasso dall’imprendibile Rea, ma bravo a vincere il confronto con i combattivi Leon Haslam e Jules Cluzel. Gara da dimenticare invece per Carlos Checa, tredicesimo a precedere Michel Fabrizio (14°), fuori dalla zona punti Federico Sandi e Vittorio Iannuzzo (l’azzardo del pit-stop per montare le “rain” non ha pagato) con Davide Giugliano costretto alla resa per problemi tecnici alla propria Aprilia Althea.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick