Federico Sandi

Federico Sandi

Federico Sandi: “Prima di gara uno abbiamo fatto delle modifiche nel corso del warm up, ma poi in gara ho avuto ancora dei problemi, che mi condizionavano soprattutto nelle curve che si devono percorrere con il freno in mano. Anche per questo non sono riuscito ad entrare nella zona punti. Prima di gara due abbiamo invece apportato delle modifiche all’anteriore della mia Kawasaki ed i risultati sono stati ottimi. Sono riuscito a mantenere un buon passo ed ho girato più di un secondo più forte rispetto al mio miglior tempo delle prove. Sono contento non solo perché ho raccolto qualche punto per la classifica, ma soprattutto perché ora sono fiducioso per le prossime gare, ad iniziare dal round italiano di Monza tra due settimane”. 

Chaz Davies

Chaz Davies

Chaz Davies: “ La giornata è iniziata molto male con l’incidente della mattina. La temperatura della pista era ancora molto bassa e purtroppo ho perso l’anteriore. Non pensavo che l’incidente fosse così grave, invece la moto si era capovolta più volte ed era seriamente danneggiata. È stato frustrante distruggere la moto nel warm-up. Devo ringraziare il team che ha ricostruito la moto, da zero, in tempo per Gara 1. Partendo però con una moto totalmente nuova mi aspettavo solo di raccogliere qualche punto, invece sono arrivato settimo e per questo sono molto contento.
In Gara 2 finire nei primi 5 non è stato un gran risultato ma ho raccolto il massimo possibile e ho limitato i danni. Complessivamente è stato il miglior risultato possibile in entrambe le gare. Voglio ringraziare, ancora una volta, tutto il team per oggi, per aver rimesso tutto a posto e avermi messo in condizione di poter gareggiare. Abbiamo ancora del lavoro da fare, ora so, dove siamo più deboli dei nostri rivali. In alcuni punti la moto lavora bene, in altri punti dobbiamo migliorare. Ora guardo avanti alla prossima gara di Monza ”.

Marco Melandri

Marco Melandri

Marco Melandri:   “ É stato un weekend terribile e, oggi, una giornata estremamente sfortunata. In Gara 1 non sono neanche partito, mentre in Gara 2 sembra che un sensore abbia smesso di funzionare non consentendo alla moto di funzionare con le giuste strategie. Così ho dovuto rallentare per un paio di giri per capire cosa stava succedendo e qual’era il problema. Una volta capito come gestire la situazione ho ripreso il mio passo per arrivare alla fine della gara. Dobbiamo capire cosa non va e risolvere il problema, ora il mio obiettivo è di ritrovare il piacere di andare in moto, lottare per il podio e tornare a vincere le gare”.

Michel Fabrizio

Michel Fabrizio

Michel Fabrizio: “In gara1 abbiamo lavorato e stravolto la moto per ottenere il feeling “Australiano”. Purtroppo siamo ancora lontani dalle sensazioni che cerchiamo, anche se abbiamo comunque la percezione di alcuni miglioramenti. In gara2 è andata meglio. Le sensazioni positive sono in parte arrivate e abbiamo ottenuto un piazzamento decisamente migliore entrando nei 10. E’ chiaro che questo non ci basta perché non è il nostro obiettivo. Monza e la pista giusta per la nostra Aprilia RSV4, cercheremo il riscatto. ”

 

Tom Sykes

Tom Sykes

Tom Sykes: “Un weekend di gara perfetto per noi conquistando anche la Superpole. Abbiamo fatto progressi dopo un lento avvio di stagione quindi adesso dovremmo continuare con questo slancio per rientrare nella corsa al vertice. La moto andava bene ed era molto performante oggi. Quando Eugene mi ha superato in gara due ho capito che era molto più facile  seguire rispetto che guidare davanti, ed è stato un  peccato che in uscita dalla chicane all’ultimo giro abbia  colpito il cordolo interno, quando stavo tentando di sorpassarlo. Sarebbe stato bello vincere due gare così, ma io sono felice ugualmente e ringrazio per il grande sostegno ricevuto qui ad Assen di tutti gli appassionati Kawasaki. Gara uno è stata perfetta,  abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare.”

Loris Baz

Loris Baz

Loris Baz: “L’ultimo giro è stato semplicemente troppo lungo per me non vedevo l’ora di finirlo. Siamo entrati nella top five in gara due e sul podio in gara 1,  in condizioni di asciutto, quindi voglio  ringraziare tutto il team e le persone in Kawasaki che hanno fatto un buon lavoro sulla  moto per renderla perfetta  per il mio stile e per il mio peso. Il mio passo era abbastanza buono per lottare nel gruppo davanti a me in gara uno, ma non so come mai ma non avevo grip sul posteriore dal lato destro in partenza quindi forse non ho scaldato la gomma abbastanza. Era strano e non è mai successo prima, così ho perso uno o due secondi che era già troppo per inseguire quelli davanti. ”

Emanuele Bompadre