Mondiale SBK: gara 1, colpaccio di Tom Sykes

 Mondiale SBK: gara 1, colpaccio di Tom Sykes


Come già accaduto in molte gare di questo mondiale SBK, la giornata inizia con la pioggia che fa  la parte della protagonista in questa penultima corsa valida per l’assegnazione del titolo iridato sul circuito di Portimao in Portogallo. Gara 1 inizia con pista bagnata e quindi dichiarata wet dalla direzione  con i piloti assaliti dal dubbio delle gomme rain o intermedie, optando alla fine per un’opzione più conservativa da parte di tutti.
Gara divisa in due con la prima parte che vede  Marco Melandri, BMW Motorrad Motorshow, e Max Biaggi, Aprilia Racing Team, subito in lotta tra loro fino al  primo colpo di scena della giornata con il pilota ravennate finito a terra dopo un’entrata, “alla Rea” proprio ai danni di Biaggi  non andata a buon fine con la conseguenza di una caduta rovinosa che ha coinvolto gli incopevoli  Davide Giugliano, Ducati Team Althea,  e Chaz Davies, ParkinGO MTC Aprilia, con Macho Melandri finito in ospedale per una brutta botta ai reni e per scongiurare lesioni interne con la consapevolezza di aver definitivamente archiviato il mondiale per il 2012, anche se la matematica ancora lo tiene in gioco.
Gara che continua con Max Biaggi in testa alla gara tentando la fuga, con l’altro avversario, Tom Sykes, Kawasaki Racing Team, in netta difficoltà a causa di un assetto sbagliato, fino al secondo colpo di scena con la scivolata di Norino Brignola, BMW Grillini, che costringe la direzione gara ad esporre la bandiera rossa a causa di olio rimasto in pista.
Tutto da rifare e tutto differente dalla prima parte di gara, con un Tom Sykes che, risolti i problemi di assetto, prende il largo costruendo un bel vantaggio e amministrando nel finale, a causa del deterioramento dei pneumatici da parte di tutte le quattro cilindri con la pista che andava via via asciugandosi,  andando a vincere una gara meritatissima, seguito da un eccezionale Carlos Checa, Ducati Althea, abile a risalire e a ricucire lo svantaggio che lo separava dal pilota inglese cercando di conquistare una vittoria finale che manca ormai da tanto tempo in casa Ducati.
Terzo gradino del podio per l’altro gran specialista delle condizioni di pista estreme, Sylvain Guintoli, Pata Racing Team, autore di un ottima gara già al secondo podio con la nuova scuderia.
Conlcude quarto Max Biaggi più in difficoltà in questa seconda parte di gara, battendo in volata un competitivo Brett McCormick, Team Effenbert Liberty Racing, e l’altro specialista dell’acqua Johnny Rea, Honda World Superbike.
Nella Top Ten Loris Baz, Kawasaki Racing Team, settimo, Hiroshi Aoyama, Honda World Superbike, ottavo, e i due italiani di casa BMW Motorrad Italia, Michel Fabrizio e Ayrton Badovini, rispettivamente decimo e nono.
Molto più staccati gli altri del plotone azzurro, con Matteo Baiocco, Red Devils Roma, 15esimo, Lorenzo Zanetti, Pata Racing Team, 16esimo, Norino Brignola, BMW Team Grillini, 17esimo e Loenzo Lanzi, Team Effenbert Liberty Racing, 18esimo.
Con Marco Melandri fuori dai giochi anche per gara 2, si aprono ottime possibilità sia per Max Biaggi di allungare sugli insegutiori che per Tom Sykes di accorciae ulteriormente lo svantaggio dal romano.

 

Classifica Gran Premio del Portogallo, Portimao

 

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 16 giri in 31’42.011
02- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 0.300
03- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 2.732
04- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 11.564
05- Brett McCormick – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 11.771
06- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 11.792
07- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 28.693
08- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 29.581
09- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 31.507
10- Michel Fabrizio – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 31.587
11- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 31.710
12- John Hopkins – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 33.167
13- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 37.843
14- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 37.993
15- Matteo Baiocco – Red Devils Roma – Ducati 1198 – + 39.397
16- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 39.666
17- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR – + 42.434
18- Lorenzo Lanzi – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 1’00.356
19- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – a 1 giro

 

 

Emanuele Bompadre

 

 

[nggallery id=283]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Emanuele Bompadre

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *